rotate-mobile
Mercoledì, 28 Settembre 2022
Attualità

Coronavirus Roma, zona gialla di fine estate: la situazione nel Lazio. I dati

L'indice Rt sale ancora a livello nazionale, passando a 1,57, mentre nel Lazio è a quota 2

Con la curva dei contagi di Coronavirus tornata a salire dopo l'effetto Europeo e le varianti presenti nel Lazio, anche i ricoveri che riprendono a crescere. Le proiezioni per la fine di agosto stanno virando di nuovo in negativo, con il rischio che alcune regioni possano tornare a chiudere dopo Ferragosto, nonostante le nuove regole introdotte con il decreto del 22 luglio sul cambio di colori per le Regioni.

Un ritorno in zona gialla, non certo nell'immediato, nel Lazio fa paura ai commercianti e gli imprenditori. Si tratta soltanto di un'ipotesi al momento, ma la variante Delta, ormai prevalente (ormai al 94,8%), rischia di far aumentare ancora i contagi. Sempre che le terapie intensive e i ricoveri non tornino a diminuire verso la fine di agosto. Il report dell'Iss di venerdì ha acceso i riflettori sul possibile aumento di ricoveri e di terapie intensive in Sicilia, Sardegna e Lazio.

L'indice Rt nel Lazio "è in aumento: valore 2". Ad annunciarlo era stato l'assessore alla Sanità e Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio Alessio D'Amato che aveva aggiunto: "L'incidenza è in aumento a 69,96 casi per 100mila abitanti. I tassi di occupazione in area medica e terapia intensiva sono stabili, lontani dalle soglie di rischio. Visti i buoni indicatori sulla capacità di tracciamento, ci aspettiamo dalla prossima settimana una riduzione del coefficiente Rt. Confermiamo che grazie alla vaccinazione, pur in presenza di un aumento dei valori di incidenza, non assistiamo a criticità sulla rete ospedaliera. Resta - conclude - assolutamente prioritario vaccinarsi e completare il percorso di vaccinazione".

A gettare acqua sul fuoco sulla possibilità di vedere il Lazio in zona gialla, anche Massimo Ciccozzi, direttore dell'Unità di Statistica medica ed epidemiologia dell'Università Campus Bio-Medico di Roma: "Al momento non vedo i numeri per poterlo stabilire, gli accessi in area medica e in terapia intensiva sono al di sotto della nuova soglia stabilità per il passaggio in zona gialla. Gli ospedali non sono sotto stress e poi, ricordiamolo, è stato fatto un grande lavoro con le vaccinazioni visto che siamo vicino al 70% dei cittadini adulti con doppia dose. E' vero c'è un aumento dei casi e ci sono focolai dei focolai - aggiunge Ciccozzi all'Adnkronos - ma la situazione mi sembra sotto controllo".

Nel frattempo, per la prossima settimana, il governo approverà il decreto sul Green Pass, anche per allargarlo sui trasporti. Una misura indispensabile secondo l'esecutivo per contenere i contagi anche in prospettiva autunnale, con il rientro a scuola dove - come sottolineato dalla Regione Lazio - sarà importante anche la campagna vaccinale in corso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus Roma, zona gialla di fine estate: la situazione nel Lazio. I dati

RomaToday è in caricamento