rotate-mobile
Attualità

Incendio Fattorietta, parte raccolta fondi per l'asilo nel bosco. E Gualtieri promette l'aiuto del Comune

A settembre i bambini svolgeranno attività all'aperto sotto a una tettoia. "Ma è soluzione temporanea" specifica la responsabile pedagogica

Sarà una tettoia a fare da asilo nel bosco a circa una trentina di bambine e bambini della "Fattorietta", l'esperienza di outdoor education che tra il 2 il 3 agosto ha visto bruciare la propria struttura in legno, all'interno dell'area verde del parco Piccolomini in zona San Pietro. Ma nel frattempo l'associazione di promozione sociale che gestisce l'attività educativa lancia una raccolta fondi, nel giorno in cui il sindaco Roberto Gualtieri fa visita al luogo del rogo. 

L'incendio alla Fattorietta 

La struttura in legno di 100 mq che fino a luglio scorso ha ospitato circa 30 tra bambine e bambini da 0 a 5 anni, alla fine della passeggiata del Gelsomino all'Aurelio, è andata a fuoco poco prima della mezzanotte del 2 agosto. Un rogo dalle origini ancora misteriose, sul quale sono in corso indagini e i vigili del fuoco hanno mandato un'informativa alla Procura. A RomaToday la responsabole pedagogica dell'asilo nel bosco, Barbara Manara, aveva fatto capire che il dolo sembra la pista più accreditata e lo ha ribadito in occasione della visita del sindaco Gualtieri e della presidente del XIII municipio Sabrina Giuseppetti: "Non è stata esclusa la mano dell'uomo - ha detto Manara -. Non sappiamo di più, il nostro perito farà un sopralluogo e presenteremo un esposto, avvalendoci di un avvocato". 

La soluzione temporanea per settembre

Nelle ore successive all'incendio, Manara sembrava molto pessimista rispetto a una riapertura a settembre. Ora, però, c'è una soluzione temporanea: "Sfrutteremo una tettoia in un'altra parte della fattoria - conferma - sarà però temporanea. La necessità è quella di ripristinare una struttura entro settembre 2024 che rispetti la normativa vincolistica imposta dal Parco Piccolomini, normativa che peraltro 'benediciamo', essendo in linea con il nostro progetto di educazione outdoor". Nel pomeriggio del 7 agosto partirà una raccolta fondi su GoFundMe "la pubblicizzeremo su tutti i nostri canali social - avverte Manara - e dobbiamo lavorare con il Comune per capire come poter realizzare un progetto legato alla prosecuzione dell'asilo nel bosco". Il presidente di Arci Roma, Vito Scalise, all'agenzia Dire ha fissato l'obiettivo economico della raccolta: "Vogliamo raggiungere 50.000 euro in tempi strettissimi - ha spiegato - noi faremo la nostra parte e ci aspettiamo che l'amministrazione si impegni e mantenga le promesse". La Fattorietta è affiliata ad Arci. 

La promessa di Gualtieri

Comune che ha già teso la mano: "Con la presidente Giuseppetti - ha dichiarato il Sindaco - siamo venuti a portare la nostra solidarietà a 'La Fattorietta', un'esperienza straordinaria di educazione, integrazione, amore e rispetto della natura. Noi siamo qui per dire che Roma Capitale è al loro fianco e lavoreremo affinché La Fattorietta possa ripartire e riprendere la sua importantissima attività".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendio Fattorietta, parte raccolta fondi per l'asilo nel bosco. E Gualtieri promette l'aiuto del Comune

RomaToday è in caricamento