rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Attualità

Il PNRR sbloccherà a Roma altri 31,7 miliardi per i mezzi pubblici

I fondi si aggiungono ai 220 milioni già stanziati per i trasporti e contribuiranno alla riqualificazione di ferrovie e linee locali. Tra i progetti salienti per Roma, la chiusura dell’anello ferroviario

Cresce il plafond delle risorse che il PNRR stanzia a favore della Capitale. Oltre ai 220 milioni già stanziati dal Piano e finalizzati all’intervento sui (tram Termini-Vaticano-Aurelio e tranvia di via Palmiro Togliatti), il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili (Mims) e Rete Ferroviaria Italiana (RFI) hanno sottoscritto l’Aggiornamento 2020-2021 del Contratto di Programma 2017–2021, per la parte Investimenti, che prevede l’assegnazione di ulteriori risorse per un valore di circa 31,7 miliardi di euro nell’ambito del Pnrr (Piano nazionale di ripresa e resilienza).

Come saranno ripartire le risorse del Pnrr per i mezzi pubblici di Roma

Le risorse stanziate dal Pnrr prevedono oltre 3,5 miliardi di euro per l’ammodernamento tecnologico e 2,6 miliardi per la valorizzazione delle reti regionali e il rilancio del trasporto pubblico locale.

A questa tranche vanno aggiunti poi 186 milioni di euro per il programma di ripristino e riapertura delle linee turistiche. Per il potenziamento e sviluppo infrastrutturale delle aree metropolitane sono previsti poi ulteriori 1,9 miliardi.

I progetti salienti per il rilancio della mobilità a Roma

Per Roma il progetto fondamentale che finalmente si potrà realizzare, sarà il completamento dell’anello ferroviario. Un progetto che rappresenterebbe un grande salto di qualità e capillarità ai collegamenti ferroviari di Roma. È prevista, infatti, la chiusura dell’anello ferroviario di Roma nord tra la linea FL3 Roma-Viterbo, la linea Tirrenica e l’innesto sulla linea “merci” (direzione Chiusi e direzione Tiburtina) in corrispondenza del “bivio nord”.

In particolare potranno essere realizzati: la riattivazione e il raddoppio della tratta Valle Aurelia-Vigna Clara; il nuovo tracciato tra la fermata Vigna Clara e la stazione Val d’Ala comprensiva della nuova stazione Tor di Quinto che renderebbe possibile l’interscambio con la linea Roma – Viterbo gestita da Atac e della diramazione per Roma Smistamento (Bivio Tor di Quinto); la nuova tratta a doppio binario Vigna Clara-Tor di Quinto, miglioramenti al Piano regolatore di Roma Tiburtina e l’interconnessione con la linea Roma – Grosseto (Bivio Pineto).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il PNRR sbloccherà a Roma altri 31,7 miliardi per i mezzi pubblici

RomaToday è in caricamento