Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Goletta dei Laghi torna a Bracciano, analisi dell'acqua e caccia alle microplastiche

Siamo saliti a bordo della Goletta dei Laghi per vedere da vicino come si effettua la raccolta dei campioni d’acqua da analizzare, alla ricerca delle microplastiche

 

L’obbiettivo è quello di verificare il trend sulla qualità dell’acqua del lago di Bracciano: “L’anno scorso abbiamo raccolto 500mila frammenti di plastica  per un chilometro quadrato, ed è tanto”. La Goletta dei Laghi nel suo giro dei bacini idrici su tutto il territorio azionale, si è fermata anche a Bracciano, per poi proseguire il suo giro del Lazio passando anche da quello di Bolsena.

“È di cruciale importanza continuare a monitorare la presenza di microplastiche nel Lago di Bracciano - dichiara Loris Pietrelli, ricercatore Enea e presidente del circolo Legambiente “Territori e oltre” – si tratta, infatti, di un importante indicatore dello stato di salute dei laghi, soprattutto in un caso come quello del bacino laziale, già fortemente colpito dai problemi legati al livello delle acque. Mi riferisco in particolare, alla criticità degli habitat presenti nel lago che sono tutelati dalla normativa europea”.

Il bacino è inoltre un caso nazionale, esploso particolarmente la scorsa estate a causa della siccità e del suo abbassamento di livello dovuto ad un lungo periodo di captazione forzata da parte di Acea. “Di fronte a solo 196,4 mm di pioggia che sono caduti nel lago l'estate scorsa - sottolinea Roberto Scacchi, presidente di Legamnbiente Lazio - Acea è arrivata a captare da Bracciano fino a 2.600 litri al secondo, facendo crollare il livello del bacino fino a -198 cm dallo zero idrometrico e mettendo gravemente a rischio un ecosistema che, secondo il CNR, ha una soglia massima di tolleranza di 150 cm”.

Per avere i risultati di quanto raccolto nella giornata di oggi bisognerà però aspettare l’autunno. Nel frattempo, l’augurio che di un atteggiamento sempre più “eco friendly” da parte di cittadini e bagnanti. I primi a dover aver a cuore la qualità dell’acqua del lago di Bracciano.

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento