menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il gatto in cima all'albero a Cerveteri

Il gatto in cima all'albero a Cerveteri

Precipita da un albero e fa un volo di 10 metri: avventura a lieto fine per un gatto fortunato

A Cerveteri un felino domestico è caduto durante il tentativo di soccorso dei Vigili del Fuoco. Ercoli: "Trasportato d'urgenza in clinica veterinaria, non è in pericolo di vita"

Una storia a lieto fine. A vedersela brutta un gatto di Valcanneto, nel territorio dI Cerveteri, che lunedì 24 è precipato da un albero. Nonostante sia caduto dall’altezza di 10 metri, sta bene.

Per giorni sull'albero

Si è conclusa a lieto fine l'avventura per l’animale domestico che, salito sulla chioma di un albero, non riusciva più a scendere. Il felino, spaventato, è rimasto per giorni sui rami della pianta finchè, su segnalazione di un cittadino, sono intervenuti il Delegato alla vigilanza sugli Animali ed ai Rapporti con le Guardie Zoofile Gregorio Ercoli e l’Assessora all’Ambiente di Cerveteri Elena Gubetti.

La vicenda

“Appena allertato mi sono immediatamente recato sul posto per verificare la situazione, dove erano attesi i Vigili del Fuoco – racconta il Delegato Gregorio Ercoli – purtroppo, la prima pattuglia ad essere intervenuta non aveva una scala talmente alta da raggiungere l’animale, così insieme al Responsabile del Gruppo e all’Assessora Gubetti abbiamo atteso l’arrivo di un nuovo mezzo, giunto sul posto poco dopo, capace di raggiungere altezze più elevate”.

L'incidente

Proprio quando la situazione sembrava volgere al meglio, si è verificato un imprevisto. “Durante le operazioni di recupero purtroppo c’è stato anche un incidente per il povero micio, che timoroso, è salito ulteriormente lungo i rami dell’albero fino a cadere in terra, probabilmente a causa di un ramo secco. Fortunatamente, nonostante la brutta caduta, dopo il trasporto d’urgenza in clinica veterinaria grazie alle Guardie Ecozoofile di Fare Ambiente, non è in pericolo di vita ed ha risposto positivamente a tutti gli stimoli del personale medico veterinario” ha spiegato Gubetti.

Il lieto fine

Al di là dello spavento vissuto dalla proprietaria e da quanti si erano adoperati per metterlo in salvo, l’animale sta bene. Anche se, probabilmente, avrà dovuto rinunciare ad una delle sue proverbiali sette vite. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • De Magna e beve

    La vera storia della carbonara: origini e curiosità

  • De Magna e beve

    Carbonara: 7 errori comuni da non fare mai

  • Attualità

    La bufala del vaccino su chiamata a Roma

  • Cultura

    La Roma di Stefania Orlando

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento