rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Attualità

La misteriosa epatite sta colpendo i bambini in Europa, aumentato il livello d'allerta nel Lazio

Sommando le segnalazioni delle autorità di Inghilterra, Scozia, Galles e Irlanda del Nord si arriva oltre 70 casi

Sono sempre di più i casi di epatite acuta di origine sconosciuta nei bambini segnalati in Europa. Dopo le segnalazioni arrivate dell'Inghilterra, nella ultime ore anche in Danimarca, Irlanda, Paesi Bassi e Spagna si sono registrati dei contagi.

A segnalarlo in una nota è il centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie Ecdc. Dopo i nove casi di epatite acuta tra bambini di età compresa tra 1 e 6 anni nel Regno Unito, avverte poi l'Ecdc, sono stati segnalati nello stato dell'Alabama negli Stati Uniti, con i bambini risultati positivi anche all'adenovirus. Le indagini sono in corso in tutti i paesi che hanno segnalato casi.

Al momento, la causa esatta dell'epatite in questi bambini rimane sconosciuta e l'Ecdc segnala quindi di essere al lavoro con i team in ciascuno dei paesi che segnalano casi, insieme all'Oms e ad altri partner chiave per supportare le indagini in corso. L'aumento dei casi di epatite acuta di eziologia sconosciuta tra bambini precedentemente sani di età inferiore a 10 provenienti è stata segnalata il 5 aprile.

Sommando le segnalazioni delle autorità di Inghilterra, Scozia, Galles e Irlanda del Nord si arriva oltre 70 casi. Non è stato identificato alcun collegamento al vaccino contro il covid-19, spiega l'Ecdc. L'allerta, come da prassi, è arrivata anche in Italia e il servizio regionale di sorveglianza delle malattie infettive (Seresmi) dell'istituto Lazzaro Spallanzani di Roma ha inviato stamani a tutte le strutture del servizio sanitario regionale un aggiornamento delle comunicazioni inoltrate dal Ministero della Salute in ordine alle segnalazioni del centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie. 

"Nella nostra regione finora non è stato segnalato nessun caso, ma comunque da giovedì della scorsa settimana, con una circolare della direzione salute, è stato elevato il livello di attenzione, fornendo a tutte le strutture della rete l’algoritmo diagnostico raccomandato nel Regno Unito e richiedendo di segnalare al Seresmi i casi di bambini che presentano epatite acuta, con esclusione di diagnosi di epatite da A a E", ha spiegato l'assessore alla sanità laziale Alessio D'Amato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La misteriosa epatite sta colpendo i bambini in Europa, aumentato il livello d'allerta nel Lazio

RomaToday è in caricamento