Giovedì, 17 Giugno 2021
Attualità

Emergenza freddo, una tavolata per senza fissa dimora: 250 pasti per il pranzo della Befana

L'iniziativa della Comunità di Sant'Egidio in collaborazione con CRA ACEA, l'appello: "Unitevi a iniziative di soccorso"

Immagine d'archivio

Temperature gelide, notti da brividi e ad alto rischio per chi si ritrova a vivere in strada: già due i clochard deceduti a Roma, uno trovato esanime su una panchina a Tor Marancia, l'altro rinvenuto sugli argini del Tevere. 

Emergenza freddo a Roma

Il gelo mette a dura prova la Capitale con il Comune e le associazioni di volontariato intenti ad affrontare l'emergenza. Nell'ambito del Piano Freddo 1533 in tutto i posti messi a disposizione da Roma Capitale per senzatetto e persone in condizioni di estrema fragilità: di questi 125 in locali reperiti dai municipi, 80 nelle strutture aperte presso le stazioni Termini e Tiburtina e presso la Casa di Riposo di Roma Tre.

Fruibili di notte, per fronteggiare il brusco calo delle temperature di questi giorni, gli spazi al chiuso delle stazioni Flaminio e Piramide, su metro A e B. 

Gelo a Roma, il Comune corre ai ripari per i senza dimora: aperte di notte metro Piramide e Flaminio

La solidarietà della Comunità di Sant'Egidio

Da una parte le istituzioni, dall'altra il grande lavoro dei volontari con la Comunità di Sant'Egidio a lanciare un appello e invitare i cittadini ad unirsi al circuito di solidarietà attivandosi in prima persona o fornendo coperte, cappelli di lana, sacchi a pelo ed altri generi di conforto utili ad affrontare il gelo notturno. 

Il pranzo della Befana per senzatetto

Non solo. Mentre continuano l’emergenza freddo e la necessità di proteggere chi vive in strada, il 6 gennaio, giorno dell'Epifania, alle 12.30, oltre 250 senza dimora pranzeranno con la Comunità di Sant'Egidio nei locali di via Angelo Battelli 6 in zona Marconi, grazie al contributo del CRA ACEA. La festa, fanno sapere da Sant'Egidio, si concluderà con una grande tombolata di solidarietà. 

"In questi giorni di freddo intenso - ribadiscono i volontari ringraziando chi già attivo - in numerose città italiane è possibile unirsi alle iniziative di soccorso alle persone senza dimora, sia portando coperte, sacchi a pelo e accessori di lana nei centri di raccolta, sia partecipando di persona alle distribuzioni". 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza freddo, una tavolata per senza fissa dimora: 250 pasti per il pranzo della Befana

RomaToday è in caricamento