menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tablet e pc per la DAD in una casa famiglia: il boxer Blandamura sul ring della solidarietà

PC e stampanti per garantire la didattica a distanza. La donazione è dell’ex campione europeo Emanuele Blandamura

Campione nello sport e nella vita. Emanuele Sioux Blandamura, già detentore del titolo europeo dei pesi medi, è tornato protagonista. Non di un evento sportivo. I riflettori, questa volta, li conquista per il suo impegno nel sociale.

La donazione

Il pugile friulano, romano d’adozione, insieme al presidente della Coop. Sociale “Spes contra spem” ha donato tablet, pc, stampanti e proiettore ad una casa famiglia della Capitale. L’iniziativa, che rientra nel programma Covid promosso dall'Ente di Terzo Settore OPES, ha un obiettivo: permettere ai più giovani di continuare a seguire in piena sicurezza le lezioni di didattica a distanza in questo periodo di emergenza sanitaria.

I beneficiari: minori con disabilità

“Spes Contra Spem -  ha 4 Case Famiglia e ospita ragazzi non accompagnati e persone con disabilità grave e gravissima ed  il contributo di OPES, oltre al materiale scolastico e a quello sanitario (mascherine, gel igienizzante, colonnine dispenser), prevede anche il supporto di professionisti di musicoterapia e di arteterapia per stimolare la mente e l’attività motoria delle persone con disabilità” ha spiegato Blandamura.

Un campione nello sport e nella vita

Il pugile, con un ruolino di marcia fatto di 29 vittorie su 33 incontri da professionista, nella boxe ha trovato un importante trampolino di riscatto sociale. Ma Blandamura non va ricordato solo per meriti sportivi, poichè non è nuovo ad iniziative nel campo della solidarietà, un ring su cui ha mostrato di muoversi bene come sapeva fare anche tra le quattro corde.

La solidarietà ed il Covid

“Queste realtà sociali come 'Spes contra Spem' – ha spiegato il pugile - mai come in questo momento di pandemia hanno bisogno di più sostegno, non solo economico, per continuare a essere al fianco di chi ha bisogno di aiuto - ha ricordato Blandamura - Il Covid 19 sta mettendo a dura prova tutti quanti, specialmente i ragazzi che stanno subendo tutte le difficoltà legate alla mancanza dell'interazione sociale con i propri coetanei e alla didattica a distanza”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento