Attualità

Discoteche, possibile riapertura per il 30 giugno: annunciato un tavolo tecnico per discutere sul via libera

Si valuta la riapertura delle discoteche a fine giugno, una buona notizia per i giovani in vista della stagione estiva

La vaccinazione sta dando i suoi frutti, ripartono i settori della ristorazione e degli eventi, da oggi infatti via libera alla consumazione all’interno dei locali, buone notizie anche per chi vorrà ritornare a ballare in sicurezza, questo sarà possibile, se tutto va bene, dal 30 giugno. Una buona notizia in vista dell'estate soprattutto per i giovani, dice Alessio D'Amato in un'intervista rilasciata a la Repubblica, specificando che sarà organizzato un tavolo tecnico con le associazioni di settore. "Il 2 giugno la metà della popolazione del Lazio avrà ricevuto almeno una dose di vaccino. Ci avviciniamo ad avere le condizioni per andare verso la riapertura di questi settori, dalle discoteche ai concerti, sia all'aperto che al chiuso. Basta avere la testa". D'Amato, precisa, non si riferisce alla "movida incontrollata". "Penso che organizzando le cose in maniera tecnicamente valida, con vaccini e tamponi, come hanno fatto anche altri paesi, non ci saranno particolari difficoltà". 

Riapertura delle discoteche annunciato un tavolo tecnico

 "Abbiamo annunciato un tavolo per riaprire le discoteche. I giovani vogliono andare al mare, vogliono divertirsi, vogliono amarsi, baciarsi. Per farlo, con il vaccino si è più sicuri e lo sanno anche loro. Confido che si vaccineranno. Basta vederlo dall'adesione al vaccino per i maturandi, la cui prenotazione è andata sold out nelle prime 24 ore". Lo ha detto il governatore del Lazio, Nicola Zingaretti, parlando davanti alla farmacia di Roma dove questa mattina sono state avviate le vaccinazioni anti-Covid con J&J.  

"Dalla Regione Lazio e dall'assessore D'Amato arriva senza dubbio un buon segnale. Lo dobbiamo anche alla collaborazione dei nostri associati e imprenditori con le istituzioni. Lo vogliamo dire? Ci siamo comportati davvero molto bene!". E' quanto afferma all'AdnKronos David Bisceglia, vicepresidente del Silb-Fipe di Roma, il sindacato italiano locali da ballo della Federazione italiana pubblici esercizi. "Le aspettative, finalmente, sono buone: c'è un fiorire di manifestazione e l'entusiasmo non sembra mancare - osserva Bisceglia - La salute del comparto del divertimento resiste, con le proprie forze e anche grazie ai ristori, comunque insufficienti: ma il settore tiene, specie in vista dell'estate oramai vicina e degli auspicati passaggi delle regioni, Lazio compreso, dal giallo al bianco. Noi siamo stati i più penalizzati in assoluto: i primi a chiudere e gli ultimi a riaprire...", ricorda.

Possibile riapertura completa da settembre

"Le manifestazioni sono state tutte regolamentate anche per ballare, visto che le autorizzazioni sono state richieste e approntate sull'intrattenimento danzante e non solo musicale - riferisce il vicepresidente del Silb - Poi, bisognerà vedere a che punto queste attività potranno avere il via libera ufficiale per ripartire e lasciare questa 'terra di nessuno'. Per il resto, lavoriamo a tutta lena per una completa riapertura in sicurezza da settembre, al chiuso, muovendoci in simbiosi con le autorità competenti". Bisceglia sta compiendo in questi giorni "molti sopralluoghi per la riapertura dei locali: "A quelli più classici, si stanno associando molte altre iniziative – inf orma - Ad esempio, sta rifiorendo il lungomare di Ostia, con molte attività. E, su Roma, iniziative di musica e novità accoppiate anche all'enogastronomia, nonché manifestazioni estive: dal Galoppatoio sopra l'Art Café, al B utterfly a Villetta Ruggieri; dalla Bibliotechina all'Eur. all'ex Cartiera sulla Salaria". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Discoteche, possibile riapertura per il 30 giugno: annunciato un tavolo tecnico per discutere sul via libera

RomaToday è in caricamento