Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Contagiato a 29 anni Mattia racconta il Coronavirus: "Manca il fiato, è come stare sott'acqua e non riuscire a risalire"

"Ho visto su internet gente che va a correre tranquilla, che fa scampagnate. Restate a casa, siate altruisti e responsabili"

 

"Ora ho avuto il risultato negativo del tampone. Sto meglio. Ora stiamo 1 a 1". Palla al centro, con la convinzione di ribaltare il risultato e vincere la battaglia contro il coronavirus. A parlare è Mattia, 29 anni nato a Roma, e figlio del quartiere San Giovanni. 

Con un post su Facebook, scritto dal suo letto di ospedale a Rovereto, dove è ricoverato dal 15 marzo, aveva raccontato la sua storia, quella di un ragazzo, sportivo, che all'improvviso ha contratto il Covid-19. 

Mattia a RomaToday racconta come a Canazei, dov'era per lavoro, ha contratto il virus: "Dopo varie complicazioni, una sera sono stato costretto a chiamare l'ambulanza. Una volta arrivato in ospedale mi hanno fatto il tampone e ho saputo di essere positivo".

Ora Mattia sta meglio, il peggio è passato ma ricorda lucidamente quei momenti: "Ero lì da dicembre - racconta a fatica mentre è ancora ricoverato a Rovereto lontano da tutto e tutti - il dieci marzo mi sono sentito male, avevo febbre, tosse, mal di gola, insomma tutti i sintomi cone difficoltà a camminare e mangiare. Ho chiamato la guardia medica che mi ha dato oki, tachipirina e vitamina c. Ma la febbre saliva".

Era il 14 marzo. Il 15 è stato trasferito all'ospedale di Rovereto, nel reparto di malattie infettive, "i medici e tutti gli operatori mi seguono con cura sono meravigliosi". 

Tra antivirali, flebo e punture non vede l'ora di tornare a Roma. "Quando finirà tutto forse farò uno spettacolo di magia, sono anche un mago. Magari per sensibilizzare tutti e, soprattutto, ringraziare chi mi ha curato e chi mi ha sostenuto". 

Poi un messaggio rivolto ai più giovani. "La situazione è molto grave. Ho visto su Instagram che ci sono ancora persone che passeggiano, vanno al parco o al mare. Il pericolo c'è. Io non sono certamente anziano, ho 29 anni e faccio sport eppure mi sono ammalato. Quindi, per favore, restate a casa".
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento