Coronavirus in Tribunale, il presidente dell'ordine degli avvocati: "Faremo verifiche, no a strumentalizzazioni"

Nei giorni scorsi dipendenti del tribunale di piazzale Clodio positivi al Covid e la denuncia di possibile contagio da parte di avvocati

Immagine di archivio

“Se i fatti saranno confermati, interverranno con immediatezza i nostri organi di disciplina interni ma vogliamo anche evidenziare il massimo impegno dell’avvocatura romana per garantire la prosecuzione delle attività giudiziarie, osservando scrupolosamente tutte le prescrizioni e le precauzioni contro la pandemia”. È Antonino Galletti, il presidente dell’ordine degli avvocati di Roma a commentare quanto avvenuto nei giorni scorsi.

Sono almeno due i dipendenti del tribunale di piazzale Clodio positivi al Covid che si sospetta potrebbero essere stati contagiati da due avvocati. La vicenda segnalata alla Procura è stata riportata in una nota interna in cui si legge “due avvocati, benché positivi all'infezione, hanno fatto accesso ai locali del tribunale penale, rendendosi responsabili di condotte per le quali è stata inoltrata comunicazione alla Procura”.

Galletti ha precisato come l'Ordine forense capitolino sia stato il primo a realizzare, senza oneri per la collettività, campagne di screening e di sensibilizzazione di massa sui propri iscritti e ha contribuito a potenziare le strutture minime dei Tribunali, finanche attribuendo personale in gran numero per risolvere le criticità più evidenti e mettendo a disposizione proprie risorse umane per la formazione del personale amministrativo per incentivare l’uso dei sistemi telematici che devono essere incrementati e potenziati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Gli Avvocati non hanno alcun particolare piacere a recarsi nelle cancellerie e ne farebbero volentieri a meno se solo l'amministrazione avesse fornito la possibilità di eseguire tutti gli adempimenti da remoto come avviene da tempo negli altri Paesi civili” ha aggiunto Galletti. Infine: “Mi auguro che nessuno voglia strumentalizzare una situazione delicata per rivendicare provvedimenti abnormi come la chiusura degli uffici giudiziari o l'adozione di misure ulteriormente restrittive che avrebbe come unico effetto quello di mettere a repentaglio e in quarantena diritti e le libertà dei cittadini”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La sala è piena di pubblico senza mascherina: la “bolla” del Costanzo Show fa infuriare i social

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Roma, la mappa del contagio di ottobre: 47 quartieri con più di cento casi

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • La marcia 'nera' su Roma, l'ultra destra sfida il coprifuoco. La Questura: "Nessun preavviso per il corteo"

  • Ristorante romano consegna le chiavi a Virginia Raggi: "Roma muore e con sé la ristorazione e il turismo"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento