Coronavirus, scuole chiuse: al Tintoretto il Seraphicum sperimenta le lezioni a distanza

Grazie ad una piattaforma certificata CISCO, messa a disposizione da Apple Store, saranno garantite le lezioni agli studenti della scuola paritaria. Sepiacci: “Siamo pronti, da martedì partono le classi pilota”

Il complesso Seraphicum

La misura precauzionale di chiudere le scuole non deve inficiare la didattica. E’ questo l’obiettivo cui stanno lavorando le istituzioni scolastiche di tutto il territorio nazionale. Una sfida che, al Tintoretto, qualcuno ha deciso di affrontare immediatamente. Sfruttando le risorse che la tecnologia mette a disposizione per contrastare gli effetti del Coronavirus.

Lezioni a distanza

“Con i nostri docenti già stiamo simulando le lezioni a distanza – ha dichiarato Goffredo Sepiacci, rappresentante legale del complesso scolastico 'Seraphicum' – abbiamo fatto ricorso ad un’opportunità che ci è stata offerta dalla Apple Italia. Grazie alla piattaforma WEBEX certificata da CISCO , i nostri insegnanti saranno in grado di spiegare alla propria classe e di interrogare singoli studenti”. Una modalità che, la scuola paritaria, ha intenzione di estendere a tutti i livelli.

La sperimentazione

“Partiamo martedì 10 marzo con alcune classi pilota. Una quinta della scuola primaria, una terza della scuola secondaria di primo livello ed un quinta classe liceale. Sarà quella una fase preparatoria, sperimentale, che ci consentirà di fare i dovuti aggiustamenti prima di estendere il progetto a tutte le altre classi. Cosa che comunque avverrà nel volgere di pochi giorni” ha promesso Sepiacci. 

La sfida

Parte quindi dal Seraphicum, il complesso che include nidi, materne, elementari, medie e quattro licei, la sfida con cui dovranno confrontarsi le istituzioni scolastiche. “Apple mette a disposizione delle scuole, fino al 30 giugno gratuitamente, l’opportunità di ricorrere a questa piattaforma che permette anche di visionare quante ore restano collegati gli studenti - ha spiegato Sepiacci - al di là della didattica, ritengo che questa opportunità abbia anche importanti implicazioni sul piano socio educativo”.

Contro l'isolamento

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le lezioni a distanza permettono agli studenti di restare connessi, oltre che con i propri insegnanti, anche con i compagni di classe. E’ un modo per superare l’isolamento che, il rischio di contrarre il COVID-19, inevitabilmente rischia di produrre. In attesa che la medicina sia in grado di sconfiggere il Coronavirus, si può far ricorso ad un altro alleato. La tecnologia.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coronavirus, Lazio verso il coprifuoco e didattica a distanza parziale per le superiori. In arrivo un'ordinanza con i provvedimenti

  • Sciopero generale il 23 ottobre: a Roma metro e bus a rischio. Orari e fasce di garanzia

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento