A Roma la stretta anti Covid, Raggi chiede più controlli: nel week end task in campo tra movida e periferie

Polizia, carabinieri, Finanza, Esercito, vigili urbani e Protezione civile si preparano per aumentare i controlli e presidiare il territorio come durante il periodo del lockdown

FOTO ANSA

A Roma sono previsti dei mini lockdown? Come verranno fatti i controlli anti Covid fuori i minimarket disclocati in città? Ci sarà un coprifuoco? Quali sono i quartieri più a rischio? Sono tante le domande che in questi giorni i cittadini della Capitale si stanno ponendo visto il continuo aumento dei nuovi casi da Coronavirus. 

Numeri che, fine settembre, sono tornati a crescere con tanti pazienti che hanno occupato (nuovamente) le terapie intensive degli ospedali di Roma e provincia. Secondo la sindaca di Roma Virginia Raggi bisognerebbe aumentare i controlli sui minimarket per "verificare casi di irregolarità e il rispetto delle regole anti-Covid" e in caso di reiterate violazioni "procedere con la sospensione dell'attività". Questo è quanto chiesto dalla Sindaca di Roma al comandante della Polizia locale di Roma Capitale Stefano Napoli che ha organizzato una task force con oltre 200 vigili per il week end dal 16 al 18 ottobre.

D'altronde anche il nuovo Dpcm è chiaro (dalle 21 non sarà più possibile consumare in piedi fuori dai locali cibo e bevande; la chiusura sarà prevista per le 23 o le 24), così come lo è stato l'input del prefetto Matteo Piantedosi durante l'ultimo comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica in cui si è chiesto il rispetto del regolamento di polizia urbana riguardo la vendita di bevande alcoliche da asporto, ossia la verifica delle prescrizioni del regolamento di polizia urbana sul divieto di vendita di bevande alcoliche al dettaglio, che fissa il limite alle 22, saranno controllati anche i minimarket e gli esercizi di vicinato. 

Le aperture per i negozi restano scaglionate: ecco gli orari fino al 30 novembre

Raggi chiede stretta controlli ma la coperta è corta

Per svolgere un lavoro del genere, secondo quanto appreso da RomaToday, saranno impiegati oltre 200 agenti e comunque solo per le zone calde della città, quelle della movida: Trastevere, Campo de' Fiori, Pigneto e Ponte Milvio, per citarne alcune. Qui saranno controllati i locali, i bar e i ristoranti: dentro e fuori. Non solo. Controlli anche nelle periferie e attenzione massima anche a zone ad alta intensità come Ostia, dove è previsto un cosiddetto "pattuglione di controllo".

"Come sempre accade si sbandiera l'intervento della Polizia Locale in ogni dove e su ogni argomento che riguarda questa città. A nostra memoria non è mai esistito un politico che abbia avuto il coraggio di dire quale servizio invece taglia ai cittadini", ha sottolineato Stefano Giannini, segretario romano del Sulpl della polizia locale.

Focus anche sui minimarket che hanno l'obbligo di rispettare il regolamento di polizia urbana con vendita di alcol vietata dopo le 22. "Su questo tipo di interventi siamo fermamente d'accordo. - ha commentato Marco Milani, coordinatore romano dell'Ugl - Si tratta di andare a colpire alcol e degrado direttamente alla fonte".   

Il possibile intervento dell'esercito

Non è escluso, al momento, che ci sia bisogno di un supporto dell'Esercito, anche con eventuali presidi fissi come accade nelle stazioni delle metropolitane con l'operazione Strade Sicure. E se le banchine delle metro e le fermate di bus preoccupano, durante il giorno, la notte per rimpinguare il numero di forze dell'ordine a prevenire gli assembramenti, i militari sono pronti a sorvegliare i dedali del Pigneto, Testaccio ed Esquilino.

Nella Capitale, secondo quanto si apprende, sono circa 1600 i militari impegnati e non è esclusa una rimodulazione del personale già in campo o un aumento dello stesso. Così come non è esclusa una possibile task force ad hoc per Trastevere vista conformazione del territorio con tanti bar, minimarket, ristoranti e locali vicini. Solo ipotesi, al momento, che verranno sciolte nelle prossime ore.  

I quartieri di Roma sopra i 100 casi  

In città, d'altronde, la situazione è chiara. Sono tanti i quartieri con oltre 100 casi. Torre Angela, secondo i dati dell'ultima mappa dei contagi di Roma basata sui numeri fornita da Salute Lazio, è il quartiere con più casi da Covid-19. Se ad agosto i quartieri con oltre cento casi erano appena sei, ora se ne contano ventitré.

Detto di Torre Angela, anche Tuscolano e Ostia si registrano numeri da record. Sul litorale, dopo l'impennata dei casi durante l'estate, a settembre ci sono stati 43 nuovi positivi, per un totale di 174 da inizio pandemia. 

I quartieri con più casi dopo l'apertura delle scuole

Mini-lockdown in palazzi e quartieri

Di certo è che ci si prepara, almeno sul piano delle forze dell'ordine, ad uno scenario simile a quello del periodo del lockdown. Soprattutto nella provincia di Roma. Niente di diverso da quello che è già accaduto a Nerola o Campagnano Romano, o zona specifiche di Rocca di Papa, con le "zone rosse" nei comuni e la riapertura, dopo qualche giorno, dei centri abitati, fino a quel momento presidiati dalle forze dell'ordine. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oppure quanto successo a Roma, con l'Esercito a presidiate per giorni il Selam Palace alla Romanina. Chiusure a tempo, più o meno stringenti, a seconda dello scenario. Magari anche con la collaborazione della Protezione civile (a Roma ci sono oltre 4mila volontari). Insomma, circoscrivere i casi. Così come polizia di Stato e carabinieri, se chiamati in causa, potrebbero fare una serie di controlli campioni, sia in strada che tra gli automobilisti. Ma certo, pensare a realtà di alcuni quartieri di Roma con intrecci di strade, esercizi commerciali e mezzi pubblici, diventa complicato applicarlo.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Paura a Gregorio VII, a fuoco un autobus: esplosioni e colonna di fumo nero sulla zona

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coprifuoco a Roma e nel Lazio, ecco l'ordinanza: autocertificazione per spostamenti da mezzanotte alle 5

  • Coronavirus, Lazio verso il coprifuoco e didattica a distanza parziale per le superiori. In arrivo un'ordinanza con i provvedimenti

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento