menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, a Roma 6 nuovi casi: positivi anche due senza fissa dimora. Nel Lazio 841 gli attuali contagi

Nella giornata di sabato, la Asl Roma 3 ha disposto la chiusura di un secondo ristorante a Fiumicino a causa della positività del titolare di entrambi i locali

Sono 14 i casi di coronavirus nel Lazio (nessun decesso nelle ultime 24 ore), di questi sei sono stati registrati a Roma città.  Sono quindi 841 gli attuali casi positivi nella regione.

Numeri in lieve discesa considerando i 18 contagi fatti registrare nella giornata del 27 giugno, anche a seguito della vicenda scoppiata tra giovedì e venerdì nel comune di Fiumicino.

Oggi, invece, quel fronte sembrerebbe sotto controllo (qui il focus) anche perché, come fa sapere la Asl Roma 3 non risulterebbero al momento positivi tra i clienti delle due attività di ristorazione. 

Positivi due senza fissa dimora a Roma

Nella Asl Roma 1, come emerge dall'esito della task force regionale del 28 giugno, si registrano "due casi positivi relativi a due persone senza fissa dimora intercettati al pronto soccorso del San Giovanni e del Santo Spirito". Nella Asl Roma 2, invece, un caso positivo di rientro dal Pakistan ed in questo caso "sono state attivate le procedure di contact tracing internazionale". 

Cluster familiare tra Anzio e Ardea

Domenica è stato però segnalato anche un nuovo mini cluster, questa volta in una famiglia. A renderlo noto è l'Unità di Crisi regionale. Dalla Asl Roma 6 oggi infatti si segnalano 7 nuovi casi positivi "tutti riferibili ad un cluster familiare già noto per altri due casi che può ritenersi limitato allo stretto ambito familiare tra Anzio e Ardea", spiega l'unità della Pisana che aggiunge: "E' in corso l'indagine epidemiologica e il concact tracing".

Campidoglio, martedì 30 giugno intervento sanificazione sede via Ostiense

È stata disposta la chiusura e la sanificazione degli uffici della sede dipartimentale di Roma Capitale di via Ostiense 131L, per la giornata di martedì 30 giugno. Alcuni dipendenti sono risultati positivi al test sierologico per il Covid-19. Lo rende noto il Campidoglio.

Il bollettino dello Spallanzani del 28 giugno 

Sono 96 i pazienti ricoverati invece all'Istituto Lazzaro Spallanzani di Roma. Tra questi, 44 sono positivi al coronavirus e 3, più gravi, si trovano nel reparto di terapia intensiva e necessitano di supporto respiratorio.

Cinquantadue persone, sospettate di aver contratto la malattia, sono state sottoposte ai test per la ricerca del Covid, e sono in attesa dei risultati. Questi i dati diffusi dal bollettino medico di oggi, domenica 28 giugno. 

Chiuso secondo ristorante a Fiumicino

Nella giornata di sabato, la Asl Roma 3 aveva disposto la chiusura di un secondo ristorante a Fiumicino a causa della positività del titolare di entrambi i locali.

Dei tamponi eseguiti ieri al drive-in di Casal Bernocchi, 8 sono risultati positivi: 2 titolari del locale, 2 dipendenti e 4 conviventi del paziente del Bangladesh ricoverato ieri allo Spallanzani. Continua l'indagine epidemiologica e l'esecuzione dei tamponi drive-in a Casal Bernocchi.

I gestori dei locali chiusi: "Tra i primi a fare sanificazione"

"Si raccomanda a tutti i titolari di ristoranti di conservare i contatti degli avventori per facilitare le operazioni di contact tracing qualora si rendessero necessarie ed evitare pesanti sanzioni. La Asl Roma 3 è in costante contatto con il sindaco di Fiumicino", spiega in questo caso l'Unità di Crisi regionale. 

Nel Lazio sale indice di contagio

Direttore Spallanzani: "Vaccino, a luglio sperimentazione"

"Siamo nella fase clinica I. Abbiamo già approntato i locali, stiamo arruolando i cittadini sani ed entro metà luglio partirà la sperimentazione del vaccino" anti-Covid all'Istituto per le malattie infettive Lazzaro Spallanzani.

A fare il punto, parlando a 'Buongiorno Regione' su 'Rai Tre', è il direttore sanitario dell'Inmi Spallanzani di Roma, Francesco Vaia. "Il virus - ha aggiunto Vaia - ha ripreso a circolare all'interno di alcuni focolai dovuti prevalentemente ad un errore umano, a misure di precauzione non effettuate correttamente".

Articolo aggiornato alle 17:40 del 28 giugno

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zona arancione più vicina per Roma e il Lazio. D'Amato: "Curva in ascesa"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento