rotate-mobile
Attualità

Coronavirus: a Roma 50 nuovi casi, nel Lazio 193. D'Amato: "Sarà una settimana decisiva"

Due le situazioni più preoccupanti, quella dell'istituto di suore di Grottaferrata e quella di Fondi. Si attende lo sblocco delle mascherine fermate dalla dogana polacca

Sono 193 i nuovi casi di Coronavirus nel Lazio. Si tratta dell'aumento quotidiano più alto dall'inizio dell'emergenza che porta il totale dei pazienti positivi trattati a 1383. Aumenti dello positività più contenuto rispetto a ieri nella città di Roma dove sono stati registrati 50 casi in totale. Nella Asl Roma 4 il picco più alto, 44 casi, "la gran parte alla RSA Madonna del Rosario di Civitavecchia", spiega Salute Lazio. Il totale di Roma e provincia è quindi di 135 nuovi casi, contro i 132 di ieri.  Continua l’aumento delle persone guarite che sono 58 in totale e tra loro si registra la guarigione della paziente uno di Rieti. Sono usciti dalla sorveglianza domiciliare in 4.164. 

I numeri di tutte le Asl

Riportiamo i dati di tutte le Asl di Roma e delle altre città del Lazio

Asl Roma 1: 18 nuovi casi positivi. 515 persone sono usciti dalla sorveglianza. Si sta attrezzando il padiglione D dell’Ospedale San Filippo Neri per 40 posti covid19. Disponibili entro sabato 28 Marzo.

Asl Roma 2: 18 nuovi casi positivi. 44 persone sono usciti dalla sorveglianza. Isolata la Casa di Riposo Giovanni XXIII che ospita 66 anziani. Tutte le suore che lavorano all’Ospedale Vannini sono negative al tampone. Da domani disponibili ulteriori 32 posti letto che diventeranno 62 all’Ospedale Pertini

Asl Roma 3: 14 nuovi casi positivi. 312 persone sono usciti dalla sorveglianza. Si sta attrezzando il piano terra dell’Ospedale Grassi per ulteriori 38 posti letto. Disponibili al CPO 14 posti per pazienti positivi in isolamento domiciliare 

Asl Roma 4: 637 persone sono usciti dalla sorveglianza. 44 nuovi casi positivi la gran parte alla RSA Madonna del Rosario di Civitavecchia, dove complessivamente vi sono stati 46 casi positivi, che è stata isolata. Si stanno adottando tutte le misure necessarie da parte della Asl Roma 4 con l’amministrazione comunale per garantire la sorveglianza, il monitoraggio dei casi e la sicurezza degli operatori sanitari 

Asl Roma 5: 19 nuovi casi positivi. 774 persone sono usciti dalla sorveglianza. Dal 28 Marzo disponibili ulteriori 14 posti di terapia intensiva. Nomentana Hospital 18 casi positivi, attivato isolamento e sorveglianza del personale 

Asl Roma 6: 22 nuovi casi positivi. 66 persone sono usciti dalla sorveglianza. Prosegue l'isolamento dell'istituto religioso di Grottaferrata. Già operativi ulteriori 20 posti di pneumologia  #covid19 all'Ospedale dei Castelli da implementare a 60

Asl Frosinone: 22 nuovi casi positivi. 2 decessi: uomo di 62 anni proveniente dal San Raffaele e donna di 78 all’Ospedale Spaziani, entrambi con pluripatologie pregresse. 70 persone sono usciti dalla sorveglianza. Isolata la RSA di Cassino. Si ravvisano criticità anche alla Casa di Cura Ini - Città Bianca di Frosinone

Asl Latina: 20 nuovi casi positivi. Deceduto il paziente 1 di Fondi, uomo di 81 anni con pluripatologie pregresse. 1237 persone sono usciti dalla sorveglianza. Continuano i lavori per ampliamento da domani di 12 posti letto di terapia intensiva all'Ospedale di Gaeta 

Asl Viterbo: 16 nuovi casi positivi. 471 persone sono usciti dalla sorveglianza. Entro il 25 Marzo saranno attivati ulteriori 30 posti di malattie infettive

Asl Rieti: nessun nuovo caso positivo. Guarita la paziente 1, donna di Fara Sabina. 38 persone sono usciti dalla sorveglianza. Entro domani disponibili ulteriori 14 posti .

Coronavirus, tutte le notizie di oggi

Il punto dell'assessore alla Sanità Alessio D'Amato

Secondo l'assessore alla Sanità Alessio D'Amato quella in arrivo "sarà una settimana decisiva. Molte strutture ospedaliere cambieranno pelle e in questa settimana verranno riconvertiti e dedicati 600 posti letto complessivi per l’emergenza COVID-19. Il Sistema sanitario regionale sta tenendo ed è pienamente operativo". 

D'Amato ha poi parlato di un'importante novità: " Con il Policlinico Gemelli stiamo lavorando ad una importante sperimentazione di un test rapido ed avremo i risultati in settimana. In caso di esito positivo verrà somministrato innanzitutto agli operatori del Servizio sanitario regionale". 

Arrivano mascherine e dispositivi di protezione

Una buona notizia arriva dall'Unità di crisi della Regione: “Sono in consegna nella giornata odierna 18.800 mascherine chirurgiche, 23.500 maschere FFP2, 1.700 maschere FFP3, 8.900 tute idrorepellenti. Prosegue lo sforzo per il rifornimento dei dispositivi di protezione individuale. Sono in consegna anche 68 ventilatori e 157 monitor per il potenziamento dei posti di terapia intensiva regionali”.

Il bollettino dello Spallanzani di oggi 22 marzo 2020

Allo Spallanzani i pazienti positivi al Covid-19 sono 219, quattro in più di ieri; 22 quelli che necessitano di supporto respiratorio, uno in più di ieri. "In giornata", spiega l'ospedale, "sono previste ulteriori dimissioni di pazienti asintomatici o paucisintomatici. I pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali, sono a questa mattina 73".  

Si è tenuto stamani un incontro tra Assessore alla Sanità del Lazio, la Direzione Sanitaria di questo Istituto e il Vice Presidente Dell’Ordine dei Medici di Roma e segretario romano della FIMMG Pierluigi Bartoletti. Il segretario dei medici di famiglia romani ha condiviso la estrema importanza del ruolo della medicina territoriale che, lavorando in sinergia con la rete ospedaliera, assicura un ruolo determinante nel vincere questa sfida di sistema alla quale, appunto, va data una risposta di sistema. I medici dell’Istituto Spallanzani garantiranno, a partire da oggi, una formazione continua utile a dotare di strumenti scientifici idonee la rete territoriale. 

TUTTI I DATI DI SABATO

Dodici morti di ieri sabato 21 marzo

Otto in tutto i decessi negli ospedali romani legati al Coronavirus. Al Gemelli hanno perso la vita due uomini di 77 e 84 anni, entrambi con patologie pregresse. Al San Giovanni invece è morta una donna di 79 anni. Due i morti al Policlinico Umberto I, un uomo di 55 anni e uno di 59 proveniente dall'ospedale Pertini dove era giunto in gravi condizioni. Tre i decessi a Tor Vergata: due uomini di 86 e 84 anni e una suora di 73 trasferita dalla Asl Roma 2. 

Un decesso anche a Fondi, zona rossa in provincia di Latina dove ha perso la vita una donna di 65 anni. Tre i morti a Civitavecchia invece.

Tamponi all'ospedale Vannini

Buone notizie dal Vannini. L'assessore D'Amato: “Tutte le suore che lavorano come caposala all'Ospedale Madre Giuseppina Vannini sono risultate negative al tampone. A conferma che il cluster è focalizzato e isolato presso l'istituto di Grottaferrata posto sotto isolamento. Proseguiranno ora i tamponi ai contatti stretti delle suore. Voglio rivolgere un ringraziamento a tutti gli operatori e all’Ospedale Vannini al quale abbiamo chiesto di diventare un punto di riferimento nel contrasto al COVID-19”. LA NOTIZIA

I cluster da attenzionare

Sono due, come sottolineato da D'Amato, le situazioni più preoccupanti. La prima è quella di Fondi in provincia di Latina, dove è stata dichiarata la zona rossa, con il paese sotto sorveglianza delle forze dell'ordine. Qui si sono registrati due decessi ed un numero di casi che preoccupa, soprattutto in virtù di una festa di carnevale in un centro anziani che ha fatto da moltiplicatore di casi, per un picco che ancora non sarebbe stato raggiunto. Non è invece zona rossa Grottaferrata, dove il cluster è circoscritto all'Istituto di suore su via Anagnina: 60 religiose e un addetto alla sorveglianza positivi, l'Istituto isolato e una preoccupazione soprattutto legata al fatto che le religiose potrebbero essere entrate in contatto con le sorelle che operano nell'ospedale Vannini di Torpignattara. Isolata anche la casa di cura nel quartiere di Vallerano, nel IX municipio, dove sono risultati positivi 2 operatori. Preoccupazione per i 66 pazienti. 

La situazione a Roma 

A Roma situazione per ora sotto controllo. Le 6 Asl di Roma e provincia hanno comunicato 132 nuovi casi: di questi 73 in provincia e 59 nella città di Roma. Nella Capitale, in particolare, giornata di picco (massimo aumento di contagio) per le Asl Rm1 ed Rm2, ovvero centro nord (+17 casi) e Roma sud est (+34 casi). Sette le persone che hanno perso la vita oggi su tutto il territorio regionale.

Gli ospedali 

Completato intanto lo svuotamento della torre 8 per rendere operativo il Covid Hospital 4 Tor Vergata. I primi 40 posti saranno operativi dal 24 Marzo. Il 26 marzo invece saranno disponibili i 40 posti letto del padiglione Covid dell'ospedale San Camillo. Le due strutture si vanno ad aggiungere allo Spallanzani e ai due nuovi centri Covid, Columbus e Casal Palocco. Da questa sera intanto all'Umberto I saranno operativi ulteriori 16 posti di malattie infettive. Sempre oggi, al Sant'Andrea e San Giovanni, attivati nuovi posti di terapia intensiva, rispettivamente 10 e 4.

Le mascherine fermate in Polonia

E' atteso per lunedì intanto lo sblocco delle mascherine bloccate dalla dogana polacca. Ventitremila le mascherine modello FFP2  acquistate dalla Regione Lazio per fronteggiare l'emergenza Coronavirus fermate e requisite dalle autorità polacche alla dogana polacca. Secondo quanto si apprende le mascherine provenivano dalla Russia ed erano in transito in Polonia.

Così l’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio Alessio D’Amato. "E’ un fatto di una gravità inaudita e abbiamo subito messo al corrente la Protezione Civile nazionale, che ringrazio, con l'intervento successivo delle nostre autorità diplomatiche".

Articolo aggiornato alle 12.14

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus: a Roma 50 nuovi casi, nel Lazio 193. D'Amato: "Sarà una settimana decisiva"

RomaToday è in caricamento