menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, a Roma e provincia 6 nuovi casi: i dati Asl del 21 luglio

Dei sei casi complessivi (4 a Roma città), la metà sono casi di importazione

Sono sei i nuovi casi di coronavirus a Roma e provincia nella ultime 24 ore. A questi, purtroppo, vanno aggiunti due decessi. E' il bilancio della task force di Asl e ospedali del Lazio nella giornata del 21 luglio.

Dei sei casi complessivi (4 a Roma città), la metà sono casi di importazione: un caso di nazionalità del Bangladesh, un caso da Romania e un caso da Moldavia.

Coronavirus: i dati Asl a Roma del 21 luglio

Nella Asl Roma 2 un nuovo caso nelle ultime 24h è una persona di nazionalità del Bangladesh e riferita all’esito dei tamponi sulla Comunità del Bangladesh richiamati al drive-in. Un decesso di un uomo di 85 anni al Policlinico Umberto I. Nella Asl Roma 3 un decesso nelle ultime 24h e si tratta di una donna di 89 anni al San Camillo. 

I contagi nella provincia di Roma

Nella Asl Roma 6 sono due i nuovi casi nelle ultime 24h, uno riguarda una donna moldava di rientro dal Paese di origine e un secondo caso riguarda una persona di rientro dalla Romania. Avviate le procedure del contact tracing internazionale. Infine per quanto riguarda le province non si registrano nuovi casi e zero decessi nelle ultime 24h.

Mascherine obbligatorie nel Lazio: per ora no ordinanza

Sulla questione relativa alla mascherine obbligatorie, il presidente delle Regione Lazio Nicola Zingaretti è stato chiaro: "Stiamo monitorando con attenzione la situazione e ringrazio tutto il personale sanitario impegnato nel controllo del territorio.
Per ora non procederemo con una ordinanza su obbligo mascherina, ma riprenderemo una forte campagna di informazione per invitare tutti alla responsabilità e a rispettare le regole. Faccio un appello ai sindaci a emettere, lì dove necessario, ordinanze per limitare ed evitare assembramenti".

La campagna informativa nel Lazio

Sta partendo una campagna informativa per invitare tutti al rispetto delle regole dal titolo ‘Non diventare complice del COVID: usa la mascherina, igienizza le mani e mantieni le distanze’. 

campagna_covid-3

Il bollettino dello Spallanzani del 21 luglio

Sono 69 i pazienti ricoverati presso l'Istituto nazionale di Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma. Tra questi, 53 sono risultati positivi al coronavirus, di cui 2, più gravi, in terapia intensiva, necessitano di supporto respiratorio. Sedici persone, sospettate di aver contratto la malattia, sono state sottoposte ai test per la ricerca del Covid-19 e sono in attesa dei risultati degli esami.

Questi i dati diramati dal bollettino medico dell'ospedale Lazzaro Spallanzani di oggi, martedì 22 luglio. L'Inmi rende inoltre noto che sono 530 i pazienti asintomatici o con sintomi lievi dimessi stamattina, ancora positivi ma in condizioni tali da non richiedere ricovero ospedaliero.  

Possibili test a campione voli zone a rischio

Test rapidi da effettuare a campione già in aeroporto sui passeggeri provenienti da zone ad alta incidenza virale. Questa è l'ipotesi sulla quale sta lavorando la Regione Lazio per prevenire i contagi "di ritorno".

"Stiamo lavorando col ministero per effettuare tamponi già jn aeroporto -ha detto l'assessore Alessio D'Amato intervistato su Rai Radio1 all'interno del programma Centocittà- A Fiumicino si registra un numero di voli superiore agli altri scali italiani e per questo ora cerchiamo di privilegiare test rapidi anche a campioni sui voli da zone ad alata incidenza virale. In questa maniera, testando ci proveniva dal Bangladesh, abbiamo rintracciato 240 positivi. Ora abbiamo anche un problema col Pakistan, bisogna coniugare il diritto alla salute col diritto a viaggiare".

Controlli a Ostia: rispettate le misure anti Covid

Domenica sera, alcune pattuglie della polizia di Stato del commissariato di Ostia hanno eseguito controlli mirati ad Ostia. Le forze dell’ordine hanno sottoposto ai controlli i dipendenti dei locali, tutti risultati in regola con i dispositivi di protezione individuale previsti. A norma sono risultati anche i registri per la raccolta dei dati anagrafici degli avventori e il corretto distanziamento dei tavoli. Regolare anche la diffusione della musica. Durante il servizio, gli agenti hanno verificato che i clienti accedessero nei locali previo controllo della temperatura corporea e sanificazione delle mani.

Ostia e il week end con la paura del Covid

A Bracciano check point in centro

Proseguono le misure di contrasto alla movida nel centro storico di Bracciano dove nei fine settimana è allestito un checkpoint della protezione Civile all'ingresso del centro per monitorare eventuali assembramenti e invitare residenti e visitatori a indossare la mascherina.

Il controllo è stato predisposto per far rispettare l'obbligo, contenuto nell'ordinanza firmata dal Sindaco Armando Tondinelli, di indossare la mascherina anche all'aperto nei fine settimana all'interno del centro storico. L'amministrazione comunale ha anche potenziato ulteriori controlli mirati della Polizia Locale nel fine settimana dalle 20 alle 24. 

Al Celio ampliate le prestazioni sanitarie

Questa mattina, il Comandante Logistico dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Francesco Paolo Figliuolo ha inaugurato, presso il Policlinico Militare di Roma “Celio”, la nuova apparecchiatura per la risonanza magnetica nucleare. All’evento sono intervenuti anche alcuni rappresentanti delle Aziende Ospedaliere romane con cui sono in atto importanti partnership e collaborazioni con il Policlinico Militare di Roma.

Il sistema acquisito è un tomografo a risonanza magnetica, massima espressione della tecnologia attualmente disponibile in diagnostica per immagini. Tale sistema consente di effettuare tutte le più avanzate tipologie di esami diagnostici, in particolare quelli di secondo livello su patologie neurologiche, cardiologiche e urologiche, in area oncologica e degenerativa, con elevata velocità di esecuzione e qualità di immagine, unitamente ad un aumento del comfort del paziente.

Il nuovo macchinario, che si aggiunge a quello già in uso presso il nosocomio militare, permetterà di ampliare le capacità di diagnostica anche a favore della cittadinanza, implementando ulteriormente la collaborazione tra il “Celio” e l'Azienda Ospedaliera San Giovanni-Addolorata già in atto e che ha già consentito di supportare il Sistema Sanitario Regionale con centinaia di esami svolti a favore dei pazienti, tra cui mammografie, tomografie computerizzate  e risonanze magnetiche nucleari.

MASCHERINA-2

Articolo aggiornato alle 17:27 del 21 luglio

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • De Magna e beve

    La vera storia della carbonara: origini e curiosità

  • De Magna e beve

    Carbonara: 7 errori comuni da non fare mai

  • Attualità

    La bufala del vaccino su chiamata a Roma

  • Cultura

    La Roma di Stefania Orlando

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento