Coronavirus, a Roma tre nuovi casi. Altri due nel resto del Lazio

L'assessore D'Amato: "Non bisogna abbassare la guardia. Obiettivo rimane difendere Roma e il Lazio"

Tre casi a Roma, tutti nell'Asl Roma 1. Cinque in tutto il Lazio con il solo territorio di Frosinone a far segnare altri due positivi. Contagi sotto controllo nella regione Lazio alla vigilia della riapertura dei confini tra regioni. 
 

I dati asl di martedì 2 giugno 

Asl Roma 1 – 3 nuovi casi positivi. 24 persone sono uscite dalla sorveglianza domiciliare;

Asl Roma 2 – Non si registrano nuovi casi positivi. 7 persone sono uscite dalla sorveglianza domiciliare;

Asl Roma 3 – Non si registrano nuovi casi positivi. 26 persone sono uscite dalla sorveglianza domiciliare;

Asl Roma 4 – Non si registrano nuovi casi positivi. 22 persone sono uscite dalla sorveglianza domiciliare;

Asl Roma 5 – Non si registrano nuovi casi positivi. 6 persone sono uscite dalla sorveglianza domiciliare;

Asl Roma 6 – Non si registrano nuovi casi positivi. 35 persone sono uscite dalla sorveglianza domiciliare

Asl di Frosinone – 2 nuovo caso positivo. 0 decessi. 2 persone sono uscite dalla sorveglianza domiciliare;

Asl di Latina - Non si registrano nuovi casi positivi. 0 decessi. 17 persone sono uscite dalla sorveglianza domiciliare;

Asl di Rieti – Non si registrano nuovi casi positivi. 0 decessi. 3 persone sono uscite dalla sorveglianza domiciliare;

Asl di Viterbo - Non si registrano nuovi casi positivi. 0 decessi. 17 persone sono uscite dalla sorveglianza domiciliare

Azienda Ospedaliero - Universitaria Sant’Andrea - Conclusi i test per l’indagine sierologica sul personale sanitario. Partiti i test sierologici per i privati cittadini;

Azienda ospedaliera San Camillo - Conclusi i test per l’indagine sierologica sul personale sanitario. Partiti i test sierologici per i privati cittadini;

Azienda Ospedaliera San Giovanni - Conclusi i test per l’indagine sierologica sul personale sanitario. Partiti i test sierologici per i privati cittadini;

Policlinico Umberto I – 45 pazienti ricoverati di cui 3 in terapia intensiva;

Policlinico Tor Vergata – 10 pazienti ricoverati. Ultimati i test di sieroprevalenza sugli operatori sanitari;

Policlinico Gemelli - 43 pazienti ricoverati al Covid Hospital Columbus di cui 6 in terapia intensiva. 2 pazienti guariti;

Policlinico Campus Biomedico - 13 pazienti ricoverati al Covid Center Campus Biomedico di cui 8 in terapia intensiva. Ripresa attività ambulatoriale;

Ares 118 - Operativo al numero verde 800.118.800 il servizio di assistenza psicologica per i cittadini;

IFO - Operativo il laboratorio per il test sierologico e il laboratorio per il test COVID H24;

Ospedale Pediatrico Bambino Gesù - restano 3 bambini ricoverati al centro Covid di Palidoro;   

E' un lento ritorno alla normalità sanitaria quello che si sta vivendo in questi giorni a Roma e nel Lazio. I nuovi casi di Coronavirus continuano ad essere pochissimi e l'obiettivo è quello di riprendere le cure ai pazienti. Cure che non si sono mai fermate, ma che, complici le resistrizioni del lockdown sono inevitabilmente dimunuite. 

Ecco perché ieri l'assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato, ha espresso tutta la propria soddisfazione per quanto avvenuto al Bambin Gesù: "Voglio esprimere un sincero ringraziamento agli operatori dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù e alla nostra Rete Trapiantologica. Nelle ultime 48 ore sono stati effettuati 3 trapianti di fegato e uno doppio di polmoni su piccoli pazienti ricoverati al Bambino Gesù – sede del Gianicolo. Un’importante risultato, uno straordinario spirito di abnegazione e professionalità che non si ferma davanti all’emergenza COVID. Grazie a tutti ed auspico una completa guarigione dei piccoli pazienti".

Da domani intanto riaprono gli ambulatori. A tal proposito il presidente dell'Ordine dei Medici di Roma, Antonio Magi, interpellato dall'agenzia Dire spiega: "La riapertura degli ambulatori in questo momento è solo sulla carta. La Regione ha dato delle indicazioni ma ogni Asl di fatto sta andando per conto suo, creando forti disuguaglianze sul territorio per l'accesso dei cittadini: alcuni ambulatori hanno già cominciato a fare le visite, altri hanno aperto solo a determinate branche, alcuni stanno facendo ancora delle sperimentazioni - per esempio con la diagnostica per immagini - per vedere come va, e altri ancora riapriranno solo a luglio. Ma non c'è tempo: vanno recuperate un milione di prestazioni e bisogna aumentare l'offerta".

"L’obiettivo prioritario", spiega D'Amato, "rimane quello di difendere Roma e il Lazio. Controllate speciali le stazioni e gli aeroporti. Potenziato il contact tracing e i casi sospetti saranno indirizzati ai drive-in. E’ auspicabile il tracciamento a livello nazionale". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


Il bollettino dello Spallanzani del 2 giugno 2020

"In questo momento sono ricoverati presso il nostro Istituto 75 pazienti, di cui 27 positivi al COVID-19 e 48 sottoposti ad indagini.  5 pazienti necessitano di supporto respiratorio. I pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali, sono a questa mattina 462".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: positivi due minori della stessa famiglia, chiusi ristorante e centro estivo sulla Casilina

  • Coronavirus Roma, positivi al test sierologico dipendenti del Comune: martedì sanificazione degli uffici

  • Coronavirus: undici nuovi contagi nel Lazio, chiusi ristorante e centro estivo nella periferia est

  • Temporale Roma, bomba d'acqua e gradinata sulla zona est della Capitale

  • Coronavirus, a Roma sette nuovi casi: undici in totale nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma città tre nuovi casi: trend in calo per i pazienti in terapia intensiva

Torna su
RomaToday è in caricamento