menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, a Roma città 1013 nuovi positivi. 1796 in totale nel Lazio. I dati del 3 dicembre 2020

Oltre 23mila i tamponi eseguiti. Quasi 90mila le persone in isolamento domiciliare

Oltre 1000 nuovi casi di Coronavirus a Roma città (1013), 338 nei Comuni della provincia di Roma e 418 nel resto del Lazio. Sono 1769 i casi di Covid19 registrati nel territorio regionale alla giornata di giovedì 3 dicembre. Numeri in calo rispetto a mercoledì ma in relazione anche a 1896 tamponi in meno (23 mila oggi a fronte degli 24mila del 2 dicembre). 38 i decessi, 756 i pazienti guariti. 

Coronavirus: i numeri della regione Lazio 

Nel complesso alla giornata del 3 dicembre sono 92879 gli attuali casi positivi Coronavirus nella Regione Lazio. Di cui 89282 sono in isolamento domiciliare, 3233 sono ricoverati non in terapia intensiva, 364 sono ricoverati in terapia intensiva. 2514 sono i pazienti deceduti e 29616 le persone guarite. In totale sono stati esaminati 125009 casi.

Il commento dell'assesssore D'Amato 

"Su quasi 23 mila tamponi nel Lazio (-  1896 rispetto a mercoledì) si registrano 1769 positivi (- 22 rispetto a 24 ore prima), 38 i decessi ( - 7) e 756 i guariti. Calano i casi ed i ricoveri con la proiezione del valore Rt stabile a 0.9 - il commento dell'assessore alla Sanità Alessio D'Amato -. Diminuiscono i focolai attivi e si riduce il tasso di occupazione dei posti letto di area medica". 

Coronvirus 03.12.2020-2
 

Coronavirus a Roma 3 dicembre 2020

Nel dettaglio per quanto concerne la Capitale, nella Asl Roma 1 sono 489 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano otto decessi di 59, 67, 71, 77, 81, 83, 84 e 85 anni con patologie. Nella Asl Roma 2 sono 360 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Centotrenta sono i casi su segnalazione del medico di medicina generale. Si registrano sette decessi di 62, 66, 76, 80, 86, 90 e 91 anni con patologie. Nella Asl Roma 3 sono 164 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Sei sono ricoveri. Si registrano quattro decessi di 55, 66, 78 e 86 anni con patologie. 

Coronavirus in provincia di Roma

Nella Asl Roma 4 sono 72 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Nella Asl Roma 5 sono 123 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano tre decessi di 65, 72 e 80 anni con patologie. Nella Asl Roma 6 sono 143 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano sei decessi di 61, 63, 67, 76, 77 e 84 anni con patologie. 

Covid19 nei capoluoghi di provincia

Nelle province si registrano 418 casi e sono dieci i decessi nelle ultime 24h. Nella Asl di Latina sono 209 i nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano tre decessi di 80, 84 e 98 anni con patologie. Nella Asl di Frosinone si registrano 109 nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio, contatti di un caso già noto o con link familiare. Si registrano due decessi di  72 e 86 anni con patologie. Nella Asl di Viterbo si registrano 41 nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano due decessi di 84 e 89 anni con patologie. Nella Asl di Rieti si registrano 59 casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano tre decessi di 77, 87 e 90 anni con patologie. 

Il bollettino dello Spallanzani del 3 dicembre 2020

All’Istituto Spallanzani di Roma sono ricoverati “2227 pazienti positivi al tampone per la ricerca Sars-CoV-2. 38 pazienti necessitano di terapia intensiva”. Lo comunica, nel bollettino medico diffuso in giornata l’Istituto nazionale per le malattie infettive Lazzaro Spallanzani aggiungendo che “i pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali sono a questa mattina 1397”. 

Premi agli operatori sanitari 

E’ stato siglato con le organizzazioni sindacali FP CGIL, CISL FP, UIL FPL e FIALS l’accordo per il riconoscimento della premialità Covid19 attraverso uno stanziamento di oltre 18 milioni di euro. L’accordo riguarda tutti gli operatori del comparto del Servizio Sanitario regionale ed in particolare quelli impegnati in prima linea nei reparti Covid. La premialità è legata alla presenza lavorativa in questa seconda fase particolarmente complessa, che grazie anche all’impegno e allo spirito di abnegazione ha consentito la tenuta del Sistema sanitario. Questo è il terzo accordo quest’anno che viene sottoscritto con le organizzazioni sindacali. E’ in fase di definizione inoltre l’accordo per la dirigenza medica e sanitaria.

“E’ un giusto riconoscimento agli operatori per il lavoro che si sta svolgendo” ha commentato l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato. Da parte delle organizzazioni sindacali firmatarie è stata espressa soddisfazione per l’intesa raggiunta.

Buoni spesa a favore della solidarietà alimentare Covid19 

Dopo il grande risultato della prima edizione del progetto “Buoni Spesa” dello scorso aprile, che in pochi giorni ha registrato l’adesione di migliaia di domande e l’erogazione di buoni spesa per oltre 200.000 euro, riparte l'iniziativa in favore dei Cittadini e delle famiglie più bisognose - dichiara l'avvocato Carlo Colizza - . A partire da giovedì 10 dicembre sarà disponibile la modulistica che i Cittadini potranno utilizzare per richiedere il bonus.  Gli esercenti commerciali interessati a partecipare al progetto potranno iscriversi all’Elenco Commercianti entro e non oltre il 7 dicembre". 

"Questa iniziativa, che rientra tra le azioni messe in campo nell’ambito dell’emergenza sanitaria, rappresenta la mano tesa che questa Amministrazione tende alle fasce più sensibili della popolazione. Continuiamo incessantemente a lavorare per realizzare progetti di sostegno sanitario, economico ed alimentare. Un particolare ringraziamento va all’Assessore Barbara Cerro, agli assistenti sociali, agli uffici e a tutti gli attori coinvolti in questo progetto di alto valore sociale".
 

Articolo aggiornato alle ore 17:05 del 3 dicembre 2020
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
De Magna e beve

Dove mangiare i 5 supplì più buoni di Roma, rigorosamente "al telefono"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento