Sabato, 19 Giugno 2021
Attualità

Coronavirus a Roma e nel Lazio, il bollettino dei nuovi contagi: i dati del 5 marzo

Sono 14 le Regioni e province autonome con una classificazione di rischio moderato: Basilicata, Calabria, Lazio, Liguria, Molise, Piemonte, provincia di Bolzano, provincia di Trento, Puglia, Sicilia, Toscana, Umbria, Valle d'Aosta e Veneto

Tornano sotto i settecento i contagi da Coronavirus a Roma. Sono infatti 659 i nuovi positivi registrati il 5 marzo, a fronte dei 726 di ieri. Oggi su oltre 16 mila tamponi nel Lazio (2.791 in più rispetto quelli segnalati giovedì) e oltre 22 mila antigenici per un totale di oltre 38 mila test, si registrano 1.525 casi positivi, ossia 177 meno del 4 marzo.

Nelle ultime 24 sono stati registrati 19 decessi e 987 i guariti. "Diminuiscono i casi e i decessi, mentre aumentano i ricoveri e le terapie intensive. Il rapporto tra positivi e tamponi è a 9%, ma se consideriamo anche gli antigenici la percentuale scende sotto al 4%", spiega l'assessore alla sanità laziale Alessio D'Amato che annuncia novità: "Andiamo verso nuove misure nella provincia di Frosinone (che potrebbe quindi diventare zona rossa)". Nel frattempo, per quanto riguarda i vaccini, è stato superato il mezzo milione di somministrazioni totali e 150 mila agli over 80, classi di età il metodo più veloce. Prenotati 4.400 super fragili e caregiver. 

Nel Lazio sono 36.562 i casi attualmente positivi a Covid-19, di cui 1.872 ricoverati, 248 in terapia intensiva e 34.442 in isolamento domiciliare. Dall'inizio dell'epidemia i guariti sono in totale 198.629, i decessi 6.016 e il totale dei casi esaminati è pari a 241.207.

5 marzo-2

I dati Covid a Roma del 5 marzo 

Nella Asl Roma 1 sono 224 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Un caso è un ricovero. Si registra un decesso con patologie.

Nella Asl Roma 2 sono 314 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Sono centoventuno i casi su segnalazione del medico di medicina generale. Si registrano tre decessi con patologie.

Nella Asl Roma 3 sono 121 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano sei decessi con patologie.

I contagi nelle altre province di Roma

Nella Asl Roma 4 sono 76 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto.

Nella Asl Roma 5 sono 157 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano due decessi con patologie.

Nella Asl Roma 6 sono 134 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano due decessi con patologie.

499 positivi nelle altre città del Lazio

Nelle province si registrano 499 casi e sono cinque i decessi nelle ultime 24h. Nella Asl di Latina sono 147 i nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano tre decessi di 73, 76 e 92 anni con patologie. Nella Asl di Frosinone si registrano 275 nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio, contatti di un caso già noto o con link familiare. Si registra un decesso di 87 anni con patologie.

Nella Asl di Viterbo si registrano 43 nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registra un decesso di 86 anni con patologie. Nella Asl di Rieti si registrano 34 nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto

Il bollettino del 5 marzo 

In questo momento sono ricoverati all'Inmi Spallanzani di Roma 136 pazienti positivi al tampone per la ricerca Sars-Cov-2. Lo evidenzia il bollettino numero 400 dell'Istituto capitolino per le malattie infettive. Sono 24 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, come ieri. Mentre a questa mattina sono 2.080 i pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali.

D'Amato: "Governo valuti produzione Sputnik in Italia"

"Ho chiesto oggi durante l'incontro con le Regioni al Governo nelle persone dei ministri degli Affari regionali e della Salute rispettivamente, Mariastella Gelmini e Roberto Speranza di valutare la possibilita' di produrre anche in Italia il vaccino russo Sputnik V su cui si e' avviata la rolling review di Ema e comunque di valutare la possibilita' gia' di opzionare il vaccino per farsi trovare pronti dopo l'eventuale via libera di Ema e di Aifa". Lo ha dichiarato l'assessore alla Sanita' della Regione Lazio, Alessio D'Amato, che questa mattina ha preso parte al meeting tra l'Istituto nazionale di malattie infettive Lazzaro Spallanzani e il Centro nazionale di ricerca epidemiologica e microbiologia N.Gamaleya.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus a Roma e nel Lazio, il bollettino dei nuovi contagi: i dati del 5 marzo

RomaToday è in caricamento