menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, a Roma 662 nuovi casi: sono 1338 nel Lazio. I dati del 27 gennaio

Vaia sui vaccini: "Se la sperimentazione continua bene come per la fase 1, dovremmo chiudere entro giugno, massimo luglio"

Sono 662 i nuovi casi di Coronavirus a Roma, in linea con i 663 di ieri ma comunque in aumento rispetto ai 440 di lunedì ed i 444 positivi registrati domenica

Oggi su oltre 12 mila tamponi nel Lazio, ossia 2.530 in più rispetto al martedì, e quasi 16 mila antigenici per un totale di oltre 28 mila test, si registrano 1.338 casi positivi: sono 299 i positivi in più rispetto l'ultimo bollettino. 

Nelle ultime 24 ore, inoltre, si registrano 62 decessi e 2.505 i guariti. "Diminuiscono i ricoveri e sono stabili le terapie intensive, mentre aumentano i casi e i decessi. Il rapporto tra positivi e tamponi è a 10%, ma se consideriamo anche gli antigenici la percentuale scende a 4%", spiega l'assessore alla sanità laziale Alessio D'Amato. 

Nel Lazio sono quindi 64.903 i casi attualmente positivi a Covid-19, di cui 2.508 ricoverati, 283 in terapia intensiva (come ieri) e 62.112 in isolamento domiciliare. Dall'inizio dell'epidemia i guariti sono in totale 131.214, i decessi sono invece 4.827 e il totale dei casi esaminati è pari a 200.944.

27 gennaio-2

Made with Flourish

Made with Flourish

I dati dei contagi a Roma del 27 gennaio 

Nella Asl Roma 1 sono 339 i casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Sono dodici i ricoveri. Si registrano quindici decessi con patologie.

Nella Asl Roma 2 sono 208 i casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Ottantacinque i casi su segnalazione del medico di medicina generale. Si registrano dodici decessi con patologie.

Nella Asl Roma 3 sono 115 i casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Dieci casi sono ricoveri. Si registrano otto decessi con patologie.

I positivi nelle province di Roma

Nella Asl Roma 4 sono 40 i casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano due decessi con patologie.

Nella Asl Roma 5 sono 69 i casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano sette decessi con patologie.

Nella Asl Roma 6 sono 158 i casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano otto decessi con patologie. 

Sono 409 i casi nelle altre città del Lazio

Nelle province si registrano 409 casi e sono dieci i decessi nelle ultime 24h. Nella Asl di Latina sono 117 i nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano tre decessi di 66, 69 e 93 anni con patologie. Nella Asl di Frosinone si registrano 194 nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio, contatti di un caso già noto o con link familiare. Si registrano due decessi di 69 e 91 anni con patologie.

Nella Asl di Viterbo si registrano 59 nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano quattro decessi di 66, 77, 82 e 85 anni con patologie. Nella Asl di Rieti si registrano 39 casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registra un decesso di 87 anni con patologie

Vaia: "100 milioni di dosi di vaccino a settembre"

"Piuttosto che polemizzare sulle nostre presunte incapacità dobbiamo essere concreti, e in questo senso abbiamo una notizia positiva sul nostro vaccino italiano: per settembre saremo in grado di produrre oltre 100 milioni di dosi disponibili, se la sperimentazione andrà bene e se saranno mantenuti i tempi rapidi che le agenzie regolatorie in effetti stanno tenendo".

Lo ha detto il direttore sanitario dell'Istituto Spallanzani di Roma, Francesco Vaia, ospite a 'L'Aria che Tira' su La7, parlando del vaccino anti-Covid sviluppato da Reithera in collaborazione con l'Inmi Spallanzani. "Se la sperimentazione continua bene come per la fase 1, dovremmo chiudere entro giugno, massimo luglio. Quindi settembre e' una data più che ragionevole".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento