rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Attualità

Coronavirus, a Roma 646 nuovi casi. Nel Lazio i contagi di oggi sono 1519

Il rapporto tra positivi e tamponi è al 9%. Ieri record di test antigenici rapidi, 44931, di cui oltre 25mila eseguiti in farmacia

Sono 1519 i nuovi casi di Coronavirus nella regione Lazio segnalati nel bollettino della vigilia di Natale. Un numero in aumento rispetto a ieri (+573), quando si era scesi sotto quota mille. Aumentano i casi anche a Roma, tornata sopra i 600 nuovi positivi. Sono 646 i casi di oggi nella Capitale, 231 quelli in provincia, mentre 482 sono i casi  delle altre province, con Latine e Frosinone a fare la parte del leone. 

Ieri intanto c'è stato un record di test antigenici rapidi, 44.931, di cui oltre 25 mila eseguiti nelle farmacie. Si tratta del numero più alto di test mai eseguito in un giorno dall'inizio della pandemia. In totale la quota dei tamponi molecolari effettuati ha sfondato quota 15.000, con un tasso di positività al 9%. 

I dati di oggi 

Nella Asl Roma 1 sono 264 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Ventuno casi sono ricoveri. Si registrano tre decessi di 89, 93 e 96 anni con patologie. 

Nella Asl Roma 2 sono 303 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Centoventicinque sono i casi su segnalazione del medico di medicina generale. Si registrano tre decessi di 80, 81 e 84 anni con patologie. 

Nella Asl Roma 3 sono 79 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registra un decesso di 68 anni con patologie. 

Nella Asl Roma 4 sono 39 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registra un decesso di 86 anni con patologie. 

Nella Asl Roma 5 sono 121 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano due decessi di 73 e 85 anni con patologie. Nella

Asl Roma 6 sono 231 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registra un decesso di 98 anni con patologie. 

Nelle province si registrano 482 casi e sono tredici i decessi nelle ultime 24h. Nella Asl di Latina sono 174 i nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano cinque decessi di 69, 80, 82, 86 e 88 anni con patologie. Nella Asl di Frosinone si registrano 140 nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio, contatti di un caso già noto o con link familiare. Si registrano due decessi di 52 e 55 anni con patologie. Nella Asl di Viterbo si registrano 98 nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Ventuno i casi con link a casa di riposo Residenza La Pace di Ronciglione dove è in corso l’indagine epidemiologica. Si registrano cinque decessi di 72, 75, 87, 87 e 93 anni con patologie. Nella Asl di Rieti si registrano 70 casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registra un decesso di 84 anni con patologie.

Il bollettino dello Spallanzani del 24 dicembre

Tornano a salire i pazienti positivi al tampone per la ricerca di Sars-CoV-2 ricoverati all'Inmi Spallanzani di Roma: "Oggi sono 180" (ieri erano 176). Lo riporta il bollettino dell'Istituto per le malattie infettive capitolino. I pazienti in terapia intensiva sono 31" (uno in più rispetto a ieri). "I pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali sono, a questa mattina, 1.602", concludono i medici.

Coronavirus, esercito e forze dell'ordine a presidio dei vaccini anti Covid: le dosi saranno scortate nel Lazio

Prima vaccinata è 29enne infermiera che cura a casa anziani

Ha 29 anni è romana e lavora presso il reparto malattie infettive dello Spallanzani, ma in questi mesi di emergenza Covid ha anche curato presso il loro domicilio molti anziani. Si chiama Claudia Alivernini la prima infermiera che sarà vaccinata all'Istituto Nazionale di Malattie Infettiva Lazzaro Spallanzani, in occasione del V-Day il 27 dicembre.

Claudia Alivernini è laureata in scienze infermieristiche presso l'università La Sapienza di Roma e lavora come infermiera all'Istituto Spallanzani in un reparto di malattie infettive. Ha dato anche la disponibilità per lavorare nelle unità mobili Uscar e questo l'ha portata, oltre all'esperienza in reparto, anche presso i domicili delle persone anziane che avevano bisogno.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, a Roma 646 nuovi casi. Nel Lazio i contagi di oggi sono 1519

RomaToday è in caricamento