Coronavirus, a Roma 607 nuovi casi: sono 1746 nel Lazio. I dati del 10 gennaio

I casi confermati da inizio epidemia sono così distribuiti: il 18,3% nella Asl Roma 1, il 20,9% nella Asl Roma 2, l'11% nella Asl Roma 3, il 4,8% nella Asl Roma 4, il 9,3 nella Asl Roma 5, il 10,6% nella Asl Roma 6

FOTO ANSA/MASSIMO PERCOSSI

Buone notizie sul fronte dei nuovi contagi da Coronavirus a Roma. Sono 607 i nuovi positivi in città, a fronte dei 786 casi registrati ieri. Oggi su quasi 12 mila tamponi nel Lazio (276 in meno rispetto a sabato), si registrano 1.746 casi positivi che sono comunque 203 in più rispetto al 9 gennaio

Nelle ultime 24 ore sono 17 i decessi e 1.113 i nuovi guariti. "Diminuiscono i decessi, mentre aumentano i casi, i ricoveri e le terapie intensive (+13 nuovi pazienti). - sottolinea l'assessore alla sanità laziale Alessio D'Amato - Il rapporto tra positivi e tamponi è a 14% ma se consideriamo anche gli antigenici la percentuale scende a 6,3%".

10 gennaio-2

I casi Covid a Roma del 10 gennaio 

Nella Asl Roma 1 sono 197 i casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Cinque sono ricoveri. Si registrano sette decessi di 62, 63, 67, 78, 82, 83 e 93 anni con patologie.

Nella Asl Roma 2 sono 380 i casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Centotrentacinque sono i casi su segnalazione del medico di medicina generale. Si registrano due decessi di 81 e 93 anni con patologie.

Nella Asl Roma 3 sono 30 i casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Quattro sono ricoveri. Si registra un decesso di 97 anni con patologie. 

I contagiati nella provincia della Capitale

Nella Asl Roma 4 sono 88 i casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto.

Nella Asl Roma 5 sono 161 i casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano due decessi di 61 e 78 anni con patologie.

Nella Asl Roma 6 sono 238 i casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano tre decessi di 65, 66 e 83 anni con patologie.

652 positivi nelle altre città del Lazio

Nelle province si registrano 652 casi e sono due i decessi nelle ultime 24h. Nella Asl di Latina sono 382 i nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registra un decesso di 62 anni con patologie. Nella Asl di Frosinone si registrano 126 nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio, contatti di un caso già noto o con link familiare.

Nella Asl di Viterbo si registrano 92 nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registra un decesso di 94 anni con patologie. Nella Asl di Rieti si registrano 52 casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto

Un contagiato su due vive a Roma

Secondo la più recente analisi dei dati, un contagiato da Coronavirus su due nel Lazio vive a Roma. E' quanto emerso dal monitoraggio del Dep e del Servizio regionale per l'epidemiologia e controllo delle malattie infettive: dei casi finora confermati l'età mediana è di 46 anni, equamente ripartiti tra maschi (51,4%) e femmine (48,6%).

I casi confermati da inizio epidemia sono così distribuiti: il 18,3% nella Asl Roma 1, il 20,9% nella Asl Roma 2, l'11% nella Asl Roma 3, il 4,8% nella Asl Roma 4, il 9,3 nella Asl Roma 5, il 10,6% nella Asl Roma 6, l'8,1% nella Asl di Frosinone, l'8,8% nella Asl di Latina, il 3% nella Asl di Rieti e il 5,4% nella Asl di Viterbo.

Il 76,3% dei positivi è stato individuato da attività di screening e di contact tracing. Il 96,2% dei casi attualmente positivi è in isolamento domiciliare, il 3,6% è in ricovero ospedaliero e lo 0,2% è ricoverato in terapia intensiva. Si registra il 45,9% di guariti e il 2,2% di decessi. 

Il bollettino dello Spallanzani del 10 gennaio 

In questo momento sono ricoverati all'Inmi Spallanzani di Roma "196 pazienti positivi al tampone per la ricerca Sars-Cov-2". Lo evidenzia il bollettino numero 346 dello Spallanzani. "Sono 32 i pazienti ricoverati in terapia intensiva - aggiungono i medici - I pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o in altre strutture territoriali sono, a questa mattina, 1.727".

Nel Lazio 78785 i casi positivi

Restano sotto quota 80mila i casi positivi nel Lazio: sono oggi 78785 i contagiati, in aumento rispetto ai 78.169 di ieri. Aumentano anche i ricoverati: sono infatti 2850 contro i 2.824 (+26 rispetto al 9 gennaio). Cresce anche il numero dei pazienti ricoverati in terapia intensiva: sono 323 (+13) contro i 310 di sabato e i 309 di venerdì. Mentre sono 4.131 i decessi.

Superano quota 96mila i guariti: sono quindi 96745. Il totale dei casi esaminati superano quota 179mila: sono oggi 179661.  

Morto il medico di Papa Francesco: era positivo al Covid

Il dato aggiornato dei vaccini nel Lazio

 "Alle ore 12 hanno superato quota 66 mila le vaccinazioni somministrate nel Lazio. Le dosi somministrate sono esattamente 66.386 e di queste il 61% e' stato somministrato a donne e il 39% a uomini". Lo comunica l'Unita' di Crisi COVID-19 della Regione Lazio. 

Vaia: "Vaccinato il 95% degli operatori"

"Mi sono vaccinato, come ultimo del personale sanitario. La nostra comunità Spallanzani ha raggiunto oltre il 95% dei vaccinati, la quasi totalità: il primo ospedale ad iniziare ed a concludere la prima fase in Italia". Lo annuncia, in un post su Facebook, il direttore sanitario dell'Istituto Spallanzani di Roma, Francesco Vaia. "Sono orgoglioso - sottolinea - di rappresentare le mie colleghe e colleghi che hanno dato un'ulteriore prova di efficienza e di amore, per loro stessi, per i pazienti, per il Paese. Si intravede la luce oltre il tunnel. Ce la faremo!"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Roma in settimana? Cosa dicono le previsioni meteo

  • Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

  • Coronavirus, Roma e il Lazio verso la zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Coronavirus, a Roma e nel Lazio la situazione sta peggiorando: "Si è perso il controllo dei contagi, vi spiego perché"

  • Sabato zona gialla a Roma e nel Lazio: il 16 gennaio giornata limbo prima della stretta

  • Zona arancione, oggi si decide per Roma e il Lazio: i romani dovranno abituarsi a nuove regole

Torna su
RomaToday è in caricamento