Coronavirus, quinto caso nella rimessa Atac di Tor Pagnotta: "Ora tamponi a tutti i lavoratori"

La denuncia di sindacati e Rsu: "A tutela della salute dei dipendenti iter lacunosi. Dotare struttura di uno staff sanitario dedicato"

"Chiediamo che vengano effettuati a tutti tamponi e test" e anche "uno staff sanitario aziendale che chiarisca in rimessa le procedure e spieghi quello che intende fare per evitare una diffusione repentina del virus tra i lavoratori"

L'appello arriva dalle Rsu (rappresentanze sindacali unitarie) della rimessa di Tor Pagnotta. In una lettera, che RomaToday ha potuto visionare, inviata al presidente Paolo Simioni e al direttore al Personale, parlano di un quinto caso di coronavirus tra i lavoratori della struttura, e chiedono misure capillari di prevenzione e sicurezza. 

"Non è tollerabile che semplicemente si chieda al lavoratore con chi abbia avuto contatti" scrivono i lavoratori, perché i contatti sono semplicemente "con tutte le persone che gravitano all'interno delle officine siano essi operai, lavoratori della ditta delle pulizie, autisti"

E ancora: "Non è tollerabile che non si renda noto il nominativo per privacy ma che si lasci circolare il nome con un mero chiacchiericcio tra lavoratori, infondendo un clima di tensione e insicurezza". 

La richiesta è chiara: "Vengano  effettuati subito test e tamponi al personale Atac e al personale delle ditte esterne presenti nelle officine e di transito nella rimessa". Poi si doti la struttura di uno "staff sanitario aziendale che chiarisca le procedure e spieghi quello che intende fare per evitare una diffusione repentina del virus tra i lavoratori".  

In realtà non è la prima istanza di questo genere da parte dei lavoratori. Già a fine aprile un'altra lettera conteneva la stessa richiesta: un presidio medico fisso in rimessa. Che però non è mai arrivato. 

"Serve rapidità per mettere al sicuro i dipendenti" commenta a RomaToday il responsabile Filt Cgil Roma, David Catarci. "Ci sono dei vuoti nelle procedure di tutela della salute dei lavoratori inaccettabili, si è saputo ieri del tampone positivo e oggi i lavoratori non sono ancora stati intervistati tutti. Non si può far passare tempo. E adesso i tamponi devono essere fatti a tutti i dipendenti della struttura". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nei giorni scorsi, lo ricordiamo, sono stati avviati i test sierologici ai dipendenti. Ma non sono previsti per tutti. Lo studio epidemiologico prevede la somministrazione a un campione di casi, 800 su 11mila, 50 per ogni rimessa. E sempre su adesione volontaria. 

Cosa sono i test sierologici

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: positivi due minori della stessa famiglia, chiusi ristorante e centro estivo sulla Casilina

  • Temporale Roma, bomba d'acqua e gradinata sulla zona est della Capitale

  • Coronavirus, a Roma 11 casi. In totale nel Lazio 14 nuovi contagi. I dati delle Asl

  • Intervengono per sgomberare un appartamento abitato da un'anziana e trovano deposito d'armi

  • Coronavirus: undici nuovi contagi nel Lazio, chiusi ristorante e centro estivo nella periferia est

  • Coronavirus, a Roma sette nuovi casi: undici in totale nel Lazio

Torna su
RomaToday è in caricamento