Attualità Capannelle / Via Appia Nuova

Coronavirus, le sale scommesse riaprono a luglio: protestano i gestori degli ippodromi

L’ordinanza regionale è stata criticata per aver posticipato l’apertura delle sale scommesse. Pautasso (Federippodromi): “Siamo sconcertati”

La Regione Lazio ha fissato le regole per la ripartenza delle attività che, a causa del nuovo Coronavirus, ancora non avevano riaperto i battenti. Fiere e congressi, dal 15 giugno, possono tornare ad accogliere i propri utenti, nel rispetto delle limitazioni anti-covid. Invece sale giochi, sale bingo e sale scommesse, devono attendere il primo luglio.

La protesta di Federippodromi

L’ordinanza firmata il 13 giugno dal Presidente Zingaretti non è stata accolta positivamente da chi, al mondo del gioco legale, lega la propria attività. Elio Pautasso, presidente di Federippodromi e Direttore generale della Hippogruop Roma Capannelle, ha dichiarato di aver preso atto del nuovo provvedimento “con notevole sconcerto e comprensibile disapprovazione”.

“L’ordinanza firmata oggi da Zingaretti consente l’apertura delle sale scommesse, sale slot, sale giochi e sale bingo, e quindi di tutto il gioco legale dal 1 luglio, mentre in tutta Italia l’apertura è stata fissata il 15 giugno, quindi già lunedì prossimo” ha ricordato Pautasso. 

Sale da ballo e sale scomesse

Lo slittamento dei termini attualmente previsti dal DPCM governativo, non è l’unico aspetto che viene contestato. Nell’ordinanza  “si mettono sullo stesso piano le attività di ballo all’aperto (discoteche e sale da ballo) a sale scommesse, sale bingo e sale slot, quando invece risulta piuttosto evidente, come emerge da tutti i DPCM, che le varie realtà non abbiano nulla in comune tra loro”. Le discoteche in realtà potranno aprire già dal 15 giugno, ma solo per le attività, come la ristorazione o gli spettacoli dal vivo, che non sono legate al ballo.  

Il gioco legale

L’aver però messo sullo stesso piano le attività di ballo all’aperto e le sale scommesse, secondo il presidente della Federippodromi “genera una confusione incredibile creando un doppio danno agli operatori del gioco legale”.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, le sale scommesse riaprono a luglio: protestano i gestori degli ippodromi

RomaToday è in caricamento