Coronavirus, Vaia (Spallanzani): “Non dobbiamo intasare ospedali e drive-in con questa corsa al tampone”

Francesco Vaia, direttore sanitario dell’Istituto nazionale per le malattie infettive ‘Spallanzani’ richiama i cittadini a un comportamento responsabile

Immagine di archivio

“Possiamo ancora non dover chiudere tutto. Ma questo dipende da noi, da come osserveremo le misure anti-Covid. Ma anche da un altro tipo di comportamenti: non dobbiamo intasare ospedali e drive-in con questa corsa al tampone, che non è la terra promessa. È il medico che deve chiedere il tampone, dopo aver visitato il paziente. Altrimenti facciamo due errori: intasiamo i drive-in e non facciamo bene il nostro lavoro”. Francesco Vaia direttore sanitario dell’Istituto nazionale per le malattie infettive ‘Spallanzani’, dai microfoni di Adnkronos, richiama i cittadini a un comportamento responsabile considerato la crescita dei numeri di contagiati da Covid-19.

Il direttore dell'ospedale 'Spallanzani' richiama tutti alle responsabilità individuali

La corsa al tampone e l’intasamento dei drive-in potrebbero per Vaia comportare alcune conseguenze per i medici “rischiando di veder sfuggire soggetti positivi che magari si sono sottoposti all'esame troppo presto”. Il direttore dell’ospedale ‘Spallanzani’ ha precisato: “Il richiamo alla responsabilità individuale, dunque, è per il cittadino, "ma anche per il medico. In questo momento gli ospedali stanno vicariando un deficit del territorio. Dobbiamo lavorare sui nodi strutturali, come appunto la medicina territoriale, ma penso anche ai trasporti”.

"Nessuna corsa al tampone se non sono un contatto stretto positivo"

Tra le indicazioni di Vaia per evitare la corsa al tampone: “Se non sono un contatto stretto di un positivo non devo correre a fare il tampone senza aver consultato il medico, ma soprattutto non devo correre a farlo il primo giorno – ha Vaia spiegato all'Adnkronos Salute - Se infatti non ho atteso almeno 4-5 giorni, il risultato" del test "può essere negativo, ma il paziente può positivizzarsi in seguito. È il medico che deve visitare a casa il paziente e poi chiedere, se necessario, il tampone. Altrimenti si rischia di fare due errori: intasare i drive-in e 'perdere' i casi positivi”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“E’ sbagliato demonizzare i giovani”

“Una società costretta a chiudere le scuole è senza speranza. Dobbiamo fare tutto il possibile per non chiudere le scuole – ha continuato Vaia rispetto alla possibile interruzione della didattica in presenza - Basta con queste chiusure medievali, è sbagliato demonizzare i giovani. Abbiamo prospettato loro un futuro cupo, e ora non permettiamo loro di andare a scuola? Una società costretta a chiudere le scuole è senza speranza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La sala è piena di pubblico senza mascherina: la “bolla” del Costanzo Show fa infuriare i social

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Roma, la mappa del contagio di ottobre: 47 quartieri con più di cento casi

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • La marcia 'nera' su Roma, l'ultra destra sfida il coprifuoco. La Questura: "Nessun preavviso per il corteo"

  • Paura a Gregorio VII, a fuoco un autobus: esplosioni e colonna di fumo nero sulla zona

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento