menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Torre Gaia piange Madre Maria suora morta con il Coronavirus: "Era una forza della natura"

Era una delle 19 suore dell'Istituto San Paolo risultate positive al Covid-19. Aveva 73 anni

“Se si potesse scegliere il momento in cui andare via, probabilmente lei avrebbe scelto questo perché non amava i protagonismi”. È un ritratto commosso, carico di affetto e lacrime, quello di Madre Maria raccontato a RomaToday da chi l’ha conosciuta, amata, apprezzata e che ora fa i conti con il dolore per la sua scomparsa.

Madre Maria è deceduta, per comorbilità, presso l’ospedale di Tor Vergata la sera di sabato 21 marzo: nei giorni scorsi lei, insieme ad altre 18 suore della congregazione di San Paolo sulla via Casilina a Torre Gaia, era risultata positiva al Covid 19

Aveva 73 anni e veniva dalla Puglia, dopo un periodo di insegnamento nelle scuole del nord Italia, aveva trovato a Roma e con esattezza a Torre Gaia la sua “casa” da circa quarant'anni. Già, perché Madre Maria accoglieva tutti al mattino davanti la porta: l’istituto religioso è infatti anche una scuola con materna, elementare, media e liceo.

Circa 600 gli studenti iscritti a scuola, molti dei quali sono stati tra i banchi delle classi alla materna di cui era coordinatrice. “Pochi hanno conosciuto il suo vero animo e la bella persona che era – ha detto commossa al nostro giornale Nunzia, mamma di due bambini iscritti all’Istituto San Paolo e fino a qualche anno fa alunni di Madre Maria – Per me è stata anche un’amica, a lei mi sono rivolta per tanti consigli e tante altre mamme ho indirizzato da lei”. 

Sulla sua cattedra c’era un “librone” di psicologia perché si teneva sempre aggiornata e perché la sua preparazione le consentiva di capire subito quali fossero, eventualmente, le problematiche dei bambini che sedevano nei banchi della sua classe. “Chi non ha conosciuto davvero Madre Maria non poteva apprezzarla per quello che è stata – ha detto ancora Nunzia – Schiva, non amava i protagonismi e negli anni si era creata un guscio per proteggersi ma lei era la musica, era la danza, era sorrisi, era una forza della natura”.

E’ stata lei ad accompagnare i bambini in gita, anche sulla neve, con loro ha macinato con i piedi chicchi d’uva in una bacinella. “Ho perso un’altra persona sulla quale contare” ho pensato non appena ho saputo quanto accaduto – ha concluso Nunzia con la voce rotta dall’emozione – Era una forza della natura”. 

Su 21 suore presenti all'interno dell'Istituto religioso, 19 sono risultate positive al Covid-19 e nella serata di ieri il decesso di Madre Maria. "I contagi nella nostra zona sono stati sottovalutati - ha detto ai nostri taccuini Nicola Franco, capogruppo di Fratelli D'Italia al VI Municipio - Chiediamo con forza più controlli, più tamponi, non zona non può e non deve essere abbandonata". 

Coronavirus, tutte le notizie di oggi

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zona arancione più vicina per Roma e il Lazio. D'Amato: "Curva in ascesa"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

  • Homepage
  • Ultim'ora
  • Cronaca
  • Zone e Quartieri
  • Sport
  • Politica
  • Eventi
  • Cinema
  • Economia e Lavoro
  • Salute
  • Attualità
  • Ambiente
  • Video
  • Foto
  • Notizie dall'Italia
  • Meteo
  • Segnalazioni
  • Opinioni
RomaToday è in caricamento