Attualità

Coronavirus, Bracciano e Manziana piangono le loro due prime vittime

A spegnersi una donna di 83 anni e un uomo di 63. Il cordoglio delle comunità sul lago

foto Facebook: SalvaguardiAMO Bracciano

Bracciano e Manziana in lutto: i due comuni sul lago piangono le loro prime vittime del Coronavirus

Coronavirus, donna deceduta a Bracciano

A Bracciano a spegnersi è stata una donna di 83 anni, ricoverata da giorni all’ospedale San Paolo di Civitavecchia. “Le condoglianze mie e dell’Amministrazione e di tutta la comunità di Bracciano vanno alla famiglia di questa signora” – ha scritto il sindaco, Armando Tondinelli

Nel bollettino giornaliero del Coronavirus a Bracciano, oltre al decesso, anche una persona guarita. Nel comune all’ombra del Castello Odescalchi si contano nove casi di positività al Covid-19. 

Manziana piange Giuseppe: vittima del Coronavirus

Prima vittima da Coronavirus anche a Manziana che piange Giuseppe, 63enne della cittadina. L’uomo lascia moglie e due figli. 

“Giuseppe era quasi un mio coetaneo e lo conoscevo personalmente: era un lavoratore, un marito ed un papà. Prima che venisse ricoverato in ospedale, appena aveva iniziato a sentirsi male, ci eravamo sentiti al telefono, sia con lui che con la moglie: era ottimista, forte e attento alle esigenze dei suoi cari. Nella mia testa risuonano ancora le sue parole: ‘la ringrazio Sindaco per la vicinanza: nei piccoli centri c’è un’attenzione diversa alla persone!’.” – ha scritto il sindaco, Bruno Bruni. “Oggi Manziana piange in silenzio ma continuerà a fare di tutto per opporsi a questa tremenda pandemia. Lo dobbiamo a tutti noi, alle nostre famiglie e oggi, ancora di più, lo dobbiamo a Giuseppe e ai suoi cari a cui vanno ancora una volta le mie più sentite condoglianze e quelle dell’intero paese”. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, Bracciano e Manziana piangono le loro due prime vittime

RomaToday è in caricamento