Attualità

Coronavirus, Ama accelera su sicurezza dopo la morte di un dipendente: "Pronte altre 180mila mascherine"

L'amministratore unico della partecipata Stefano Zaghis in sopralluogo a Rocca Cencia, dopo le polemiche sui mancati interventi a tutela dei lavoratori

"La tutela della salute dei lavoratori è per noi una priorità assoluta". Questo il commento dell’amministratore unico di Ama, Stefano Zaghis, in sopralluogo allo stabilimento di Rocca Cencia. Era qui che lavorava Ezio, il capo operaio di 54 anni morto il 9 aprile, dopo aver contagiato il coronavirus.

"Ho personalmente verificato la presenza nei nostri magazzini di altre 180mila mascherine che si aggiungono a quelle già distribuite - ha detto ancora Zaghis - continueremo a mettere in campo tutti gli accorgimenti e gli strumenti necessari a far operare il personale in totale sicurezza. Chiedo a tutta la nostra comunità di lavoratori di mantenere la calma e avere fiducia per continuare ad operare nel migliore e più sereno dei modi al servizio della più ampia comunità cittadina". Parole che arrivano a pochi giorni dalle polemiche sollevate da sindacati e opposizioni a seguito dell'aumento di stipendio dei dirigenti della municipalizzata: "Azienda non riesce a spendere più di 20mila euro per sanificare i mezzi e tutelare la salute degli operai".

Un braccio di ferro quello tra vertici della partecipata e rappresentanti dei lavoratori che va avanti ormai da inizio pandemia. Con i dirigenti di via Calderon de la Barca che ora rivendicano il lavoro svolto. "In un solo mese, Ama ha speso 630mila euro per la sicurezza dei lavoratori, distribuite quasi 118mila mascherine (oltre 93mila delle quali con filtro ad alta protezione ffp2 e ffp3), circa 193mila paia di guanti monouso e 7mila500 tute monouso oltre ad operazioni mirate di sanificazione di sedi e mezzi. Anche tutti i mezzi pesanti e leggeri utilizzati per la raccolta dei rifiuti vengono sanificati a ciclo continuo. A ciò si aggiunge la fornitura di specifici kit agli operatori per igienizzare le parti sensibili interne dei veicoli ad ogni attacco e fine turno. Ama ha poi disposto l’intensificazione delle pulizie quotidiane in tutti i locali lavorativi di tutte le sedi incrementando anche la presenza di dispenser di prodotti igienizzanti di cui sono dotati anche gli operatori per uso personale".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, Ama accelera su sicurezza dopo la morte di un dipendente: "Pronte altre 180mila mascherine"

RomaToday è in caricamento