rotate-mobile
Mercoledì, 29 Giugno 2022
Attualità Via Campagnanese

Coronavirus, la RSA di Morlupo diventa centro Covid: il sindaco chiede “isolamento”

Prima la quarantena “lampo”, poi la conversione della RSA Flaminia in centro Covid. Per gli operatori a disposizone l'ostello, il sindaco Iacomucci chiede più agenti per i controlli: "Non succeda come a Nerola"

La RSA Flaminia di Morlupo è centro Covid-19. La struttura sanitaria del comune a nord di Roma, così hanno stabilito Regione Lazio e Asl Roma 4, ospiterà 40 posti letto per persone positive al Coronavirus e 20 per pazienti negativi. 

Coronavirus Morlupo, la RSA Flaminia centro Covid

Nei giorni scorsi nella residenza assistenziale di via Campagnanse erano stati destinati i pazienti risultati negativi a due tamponi consecutivi della RSA Madonna del Rosario, uno dei due cluster di Civitavecchia

Coronavirus, la quarantena “lampo” della RSA di Morlupo

Ma la mancanza di comunicazioni ufficiali al Comune di Morlupo con il Sindaco, Ettore Iacomussi, ad apprendere la notizia dalla stampa, aveva indotto il primo cittadino ad emanare un’ordinanza e porre in “quarantena” la RSA del suo territorio. Un provvedimento “lampo”: emesso al mattino, revocato la sera dopo i chiarimenti da parte della Asl. 
Coronavirus, il sindaco “isola” il centro Covid

Ma a Morlupo l’attenzione sulla RSA Flaminia resta alta. Il Sindaco ha chiesto alla Regione Lazio che la struttura rimanga comunque isolata e con essa gli operatori sanitari che lavorano nell’ala Covid. Per loro il Comune di Morlupo ha trovato la disponibilità del Porta del Veio: un ostello, da cinque camere e 35 posti letto totali, che sorge a poca distanza dalla residenza per anziani. 

“Ho a cuore la tutela dei cittadini per questo ho chiesto che gli operatori sanitari rimangano isolati dalla comunità, a tutela della collettività e delle loro famiglie” – ha scritto Iacomussi. 

Coronavirus Morlupo, chiesto ausilio per controlli: “Non succeda come a Nerola”

Il Sindaco ha poi chiesto aiuto anche alla Prefettura: troppo pochi tre agenti della Polizia Locale e la piccola stazione dei Carabinieri condivisa con il comune di Castelnuovo di Porto per controllare i movimenti egli operatori, l’accesso di eventuali parenti, i movimenti sul territorio. 

“Onde scongiurare che accada quanto successo a Nerola – si legge nella nota del Sindaco di Morlupo - richiedo l’invio di forze  di ausilio ai controlli per Carabinieri e Polizia Locale”. 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, la RSA di Morlupo diventa centro Covid: il sindaco chiede “isolamento”

RomaToday è in caricamento