Coronavirus Civitavecchia: 84 i casi positivi, 37 sono degenti della RSA Madonna del Rosario

Confermata l'esistenza di due cluster principali, circoscritti e collegati tra loro, in cui è contenuto il maggior numero di casi, alla RSA Madonna del Rosario e nel reparto di Medicina del San Paolo

Civitavecchia è un focolaio tra i più caldi dell'emergenza Coronavirus nel Lazio. Fronte comune tra Asl, Comune e protezione civile locale ovviamente in coordinamento con la Regione. Il tutto anche da un punto di vista comunicativo. In totale a Civitavecchia sono, a domenica, 84 i casi positivi, di cui 37 sono degenti della RSA Madonna del Rosario, 17 sono pazienti dell'ospedale San Paolo, 4 sono operatori sanitari di Civitavecchia, sempre dell'ospedale, e 26 sono casi in isolamento domiciliare: tra loro risultano anche alcuni operatori della Rsa.

"Si conferma", si legge nella nota congiunta di Asl e Comune, "l'esistenza di due cluster principali, circoscritti e collegati tra loro, in cui è contenuto il maggior numero di casi, alla RSA Madonna del Rosario e nel reparto di Medicina del San Paolo". 

La RSA verrò trasformata in un reparto Covid, dove sia gli attuali degenti positivi che altri futuri pazienti che avranno necessità di ricovero, potranno essere curati nel modo più appropriato. Già da domani i degenti non positivi saranno trasferiti in altra struttura rsa attrezzata, sul territorio di competenza della Asl Roma 4. 

"La direzione della Madonna del Rosario", si legge nella nota, "è impegnata con tutte le sue risorse, in sinergia con la Asl, nel contenimento e nella gestione dell'emergenza". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ieri da parte dell'Agenzia regionale di Protezione Civile sono stati consegnati alla Asl mascherine FFP2, mascherine chirurgiche, camici sterili e guanti. Sono stati consegnati inoltre 500 tamponi per campioni rinofaringei e già dai prossimi giorni la Asl sarà anche in grado di effettuare i test veloci sui tamponi che consentiranno di avere uno screening importante individuando da subito persone positive in molti casi asintomatiche. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Ho preso il muro fratellì”, l’infrazione costa cara all’ex rapper, patente ritirata ed auto sequestrata

  • Coronavirus: nel Lazio per la prima volta il numero dei guariti supera quello dei positivi

  • Tragedia a Montespaccato: ragazzo di 30 anni trovato morto impiccato nel garage di casa

  • Omicidio suicidio a Roma: uccide la moglie e si spara dopo aver ferito il figlio

  • Coronavirus, a Roma 8 nuovi contagiati in 24 ore: sono 3538 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 9 nuovi contagi: sono quindi 3554 gli attuali casi positivi nel Lazio

Torna su
RomaToday è in caricamento