rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Attualità

Coronavirus e carceri, il documento: "Ridurre le presenze e subito vaccini ai detenuti"

La Conferenza dei Garanti territoriali delle persone private della libertà rilancia le priorità in un documento ad hoc

Ridurre le presenze all'interno delle carceri e procedere con le vaccinazioni Covid 19. No allo stop alle attività di formazione e maggiore utilizzo delle videochiamate e di internet. La Conferenza dei Garanti territoriali delle persone private della libertà rilancia le priorità in un documento ad hoc. 

Ne 'Il carcere tra interno ed esterno. Esigenza di tutela tra diminuzione delle presenze e priorità vaccinale', la Conferenza ribadisce la necessità di ridurre le presenze in carcere e di annoverare i detenuti, insieme con il personale penitenziario, tra le categorie prioritarie del piano vaccinale contro il Covid-19 e lancia alcune proposte concrete.

Constatato che le risorse finanziarie messe a disposizione dal bando Cassa Ammende “Emergenza Covid-19”, appaiono inadeguate (20 euro a persona tutto incluso) al bisogno rilevato di housing per persone in esecuzione penale esterna, la Conferenza propone l’aumento del budget giornaliero a persona a 38/40 comprensivo di Iva e l’adozione del meccanismo del “Vuoto per pieno”, in modo da sostenere gli enti gestori che creano nuove strutture di accoglienza (così da coprire i giorni di vuoto). Sempre sul versante della diminuzione delle presenze in carcere, appare necessario potenziare il sistema di presa in carico e gestione delle istanze di accesso ai benefici e alle misure alternative, come richiesto dal Coordinamento nazionale dei magistrati di sorveglianza. A tale proposito, la Conferenza dei Garanti territoriali si dichiara disponibile a facilitare azioni di supporto ai servizi della giustizia anche su base volontaria o a integrare percorsi allo studio o in fase di ideazione che possano contribuire alla gestione efficace delle istanze di accesso a benefici e misure alternative.

Le carceri costituiscono comunità mobili, fatte di ingressi e uscite, di operatori socio-sanitari, educativi della sicurezza che lavorano e vivono tra interno ed esterno. Questa comunità deve essere tutelata, perché garantire la salute delle persone ristrette significa garantire la salute di tutti.  Per questo, la Conferenza dei Garanti territoriali chiede l’inclusione delle persone detenute tra le categorie prioritarie di cui al piano strategico vaccinale elaborato da ministero della Salute, Commissario straordinario per l’emergenza, Istituto superiore di sanità, Agenas e Aifa. Nel frattempo, bisognerà garantire tutte le attività che non costituiscano una fonte di rischio elevato nella diffusione del virus, a partire dalla formazione professionale e dalla istruzione (anche in presenza, in stanze sufficientemente ampie e aerate, con insegnanti e studenti opportunamente distanziati e muniti di dispositivi di protezione individuale indossati correttamente) e da altre attività che non comportino assembramenti e contatti fisici tra popolazione detenuta e operatori provenienti dall’esterno.

Infine, la Conferenza ritiene necessario sottolineare ancora una volta la divaricazione prospettica tra l’introduzione del reato di detenzione di telefoni cellulari all’interno di un istituto penitenziario (operata con il cosiddetto “decreto sicurezza”) e la necessità di aumentare le possibilità di contatto “immateriale” con l’esterno (aumento del numero delle chiamate) e di garantire la comunicazione e i contatti con familiari e terze persone attraverso le piattaforme informatiche, a fronte della estrema riduzione dei colloqui in presenza.

La Conferenza dei Garanti territoriali auspica che si sperimentino, per poi renderle poi strutturali e definitive, la corrispondenza via email e le ricerche sul web sia per motivi di scuola, studio e ricerca, che di ricorso ad altre occasioni di svago e di impegno del tempo libero.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus e carceri, il documento: "Ridurre le presenze e subito vaccini ai detenuti"

RomaToday è in caricamento