rotate-mobile
Giovedì, 7 Luglio 2022
Attualità Nomentano / Circonvallazione Nomentana

Coronavirus, autostazione Tiburtina sorvegliata speciale: dopo i test, tampone rapido per chi arriva da est Europa

A partire da venerdì 31 luglio i passeggeri su pullman provenienti dall'est Europa saranno sottoposti, oltre che al test sierologico, anche al cosiddetto 'tampone rapido'

L'ospedale Lazzaro Spallanzani di Roma ha dato l'ok, la Regione Lazio ha firmato l'ordinanza: ora è tutto pronto. A partire da venerdì 31 luglio i passeggeri in arrivo all'autostazione Tibus di Roma Tiburtina su pullman provenienti dall'est Europa (qui il video) saranno sottoposti, oltre che al test sierologico, anche al cosiddetto 'tampone rapido' per rilevare il coronavirus.

A confermarlo, nella giornata di ieri, è stato anche il responsabile medico delle Uscar (Unità Speciale di Continuità Assistenziale Regionale) Pierluigi Bartoletti, che sottolinea. Presso il terminal dei bus a Tiburtina sono previsti nella giornata del 29 luglio sono arrivate circa 500 persone.

Test che hanno dato esito negativo per i presenti sui due bus in arrivo dalla Romania. Non solo Tiburtina, però, perché anche la stazione di Termini sarà controllata anche con il supporto della PolFer che, già nei giorni scorsi, ha individuato un cittadino del Bangladesh che aveva viaggiato seppur risultato positivo al Covid-19.

Coronavirus: le notizie aggiornate di oggi

Determinante, nei controlli, sarà lo screening sanitario. Lo Spallanzani ha terminato la sperimentazione dei test rapidi con tampone oro-faringeo. Secondo quanto si apprende il secondo tipo, che utilizza il metodo dell'immunofluorescenza, sarebbe quello che la Regione Lazio utilizzerà per i passeggeri dei bus provenienti dall'Est. Il test potrebbe essere impiegato anche all'aeroporto di Fiumicino.

Martedì, inoltre, è stata firmata l'ordinanza dal presidente Nicola Zingaretti che dispone, per le persone che fanno ingresso nel Lazio e che nei quattordici giorni precedenti hanno soggiornato o transitato in Bulgaria, Ucraina e Romania, anche se asintomatiche, che siano sottoposte alla sorveglianza sanitaria e all'isolamento fiduciario per un periodo di quattordici giorni presso l'abitazione o la dimora preventivamente indicata all'atto dell'imbarco. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, autostazione Tiburtina sorvegliata speciale: dopo i test, tampone rapido per chi arriva da est Europa

RomaToday è in caricamento