Attualità Piazza del Colosseo

Rispettiamoci in strada, ciclisti e pedoni al Colosseo: tutti uniti in nome della sicurezza stradale

A Roma una grande manifestazione con cittadini, ciclisti, motociclisti, pedoni, automobilisti, tutti uniti in nome della sicurezza stradale

Un grande evento per promuovere la sicurezza di tutti gli utenti della strada. Al Colosseo oltre 250 associazioni si sono date appuntamento per ribadire la volontà di avere un rispetto reciproco per le vie della città.

#Rispettiamocinstrada è stato l'hashtag della kermesse patrocinata da Coni, Aci e Federciclismo. Un evento apartitico che ha voluto per riportare etica, civiltà e inclusione tra pedoni ciclisti e automobilisti. Il tutto per migliorare la qualità della vita di tutti e delle generazioni future.

I partecipanti hanno sfilato nel cuore della Capitale. "#Rispettiamocinstrada e il Colosseo sotto il sole di Roma. Non si poteva scegliere di meglio per aggregare giovani e anziani, motociclisti e pedoni, ciclisti e automobilisti, disabili e cittadini. Già da domani (oggi ndr) agiremo per arrivare a soluzioni concrete. Senza proclami, senza proteste, senza contrapposizioni ma uniti dal rispetto", hanno sottolineato gli organizzatori dopo l'evento.

Presente anche Stefano Giannini Segretario Romano del Sulpl che ha aderito alla manifestazione e che era in piazza: "Come operatori siamo stanchi di andare a svegliare genitori nel cuore della notte per comunicargli che i propri figli non ci sono più. Siamo chiamati ad operare troppo spesso dopo che si è verificato un incidente quando oramai è troppo tardi. Invece chiediamo che i fondi dei proventi contravvenzionali finanzino feroci campagne di prevenzione non interventi spot di tanto in tanto", ha sottolineato il sindacalista della Polizia Locale.

E per l'occasione Legambiente Lazio ha presentato l’ultimo studio sui flussi di traffico davanti al Colosseo: i volontari, aggiornando un precedente studio del 2017, hanno raccolto dati sui veicoli in transito in Piazza del Colosseo da e verso Via Nicola Salvi, Via Labicana, Via San Giovanni in Laterano, Via dei Santi Quattro, via Capo d’Africa, via Claudia, Via Celio Vibenna, via Parco de Celio; l'analisi è stata svolta dal 17 al 22 febbraio tra le 7.30 e le 10 e tra le 16 e le 20.

L'evento #Rispettiamocinstrada al Colosseo

"I risultati parlano di un picco di auto pari a oltre oltre 3.500 vetture a motore ogni ora (giovedì 20, dalle 18 alle 19), di queste ben il 92% erano auto private e solo l’8% erano mezzi pubblici, vetture Ama o Taxi. Il dato è ancor più alto del 2017 quando i volontari di Legambiente registrarono un picco rilevato di 3.300 vetture, e molto di più della media oraria di auto nell’autostrada più trafficata del Lazio (A2 Roma-Napoli con 2600 vetture ogni ora)", si legge nello studio.

"Il Colosseo deve essere liberato dalla tenaglia delle automobili, è una priorità assoluta per chi amministra ed amministrerà Roma - dichiara Roberto Scacchi presidente di Legambiente Lazio -. È una vergogna che il luogo più importante e simbolico di Roma sia ancora uno spartitraffico; negli ultimi anni poi, come è chiaro e incontrovertibile visto l’aumento di vetture dal nostro report, non è stato fatto assolutamente niente per migliorare la situazione. Noi non ci arrendiamo e continuiamo a chiedere che l’intera area del Colosseo venga liberata dalle auto: questo sarebbe un messaggio fondamentale al mondo, un grande tassello nella costruzione di una città a misura d'uomo e la risposta corretta agli oltre seimila romani che avevano firmato la nostra delibera di iniziativa popolare, approvata dall’aula Giulio Cesare, che chiedevano misure in tal senso. Liberando il Colosseo dalle numerose automobili si porterà anche ad una grande diminuzione della violenza stradale con aumento della sicurezza per milioni di romani e turisti che dal mondo intero arrivano a Roma".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rispettiamoci in strada, ciclisti e pedoni al Colosseo: tutti uniti in nome della sicurezza stradale

RomaToday è in caricamento