Privacy violata al cimitero Flaminio: feti sepolti con i nomi delle mamme

Nel cimitero del Flaminio finiscono i bambini mai nati per i quali, le madri, non hanno dato consenso alle esequie. Il loro nome però, in spregio alla privacy, compare sulle sepolture

Ha trovato il proprio nome, insieme a quello di tante altre donne, scritto su una croce. Perchè lì, nel cimitero di Prima Porta, è stato seppellito il suo feto. 

La privacy

E’ diventato virale il post di una ragazza romana che, tramite il social network, ha provato a denunciare quanto accadutole definendolo "scandalosamente assurdo" . Una vicenda che, secondo la diretta interessata, porta a concludre che "la mia privacy è stata violata”., perchè sul cartellino che idenfifica quella sepoltura, al Flaminio, ora compare proprio il suo nome. 

Il racconto su facebook

“Nel momento in cui firmai tutti i fogli relativi alla mia interruzione terapeutica di gravidanza, mi chiesero:  'Vuole procedere lei con esequie e sepoltura? Se sì, questi sono i moduli da compilare'. Risposi che non volevo procedere, per motivi miei, personali che non ero e non sono tenuta a precisare a nessuno.  Avevo la mente confusa, non ho avuto la lucidità sufficiente per chiedere cosa succedesse al feto”. 

Cosa prevede la normativa

Ma che tipo di sepoltura ricevono i feti? “In assenza di un quadro organico per il trattamento dei feti e dei bambini mai nati che possa armonizzare la disciplina - si legge sul sito di Ama - questo tipo di sepoltura è disciplinata dai commi 2, 3 e 4 dell'art. 7 del D.P.R. 285/90 (Regolamento Nazionale di Polizia Mortuaria)”. In sintesi: i “prodotti del concepimento” sino alla 20^ settimana vengano sepolti su richiesta dei familiari. In assenza di questa sono considerati “prodotti abortivi” e trattati come rifiuti speciali ospedalieri dalle ASL competenti. Invece “i prodotti del concepimento dalla 20esima alla 28esima settimana oppure i feti oltre la 28esima settimana, vengono sepolti su richiesta dei familiari o, comunque, su disposizione della Asl".

Il cimitero degli Angeli

Esistono diverse opzioni che la Capitale mette a disposizione dei romani. Dal 2012, nel cimitero Laurentino, è istituito un apposito spazio: il “cimitero degli Angeli”. L'area, che si estende per circa 600 mq, è introdotta dalla presenza di due statue di marmo raffigurante, appunto, un angelo. E’ una simbologia “non necessariamente religiosa”, viene specificato nell’apposita sezione che Ama gli ha riservato. L’immagine è infatti spesso associata alla prima infanzia “come archetipo di innocenza e di purezza”. Lì vengono sepolti i feti, su espressa richiesta delle loro madri.

Dopo la ventesima settimana

Ma la gestione delle sepolture, per i bambini mai nati, come si accennava,  differisce in funzione del loro sviluppo e delle scelte delle relative madri. I cosiddetti “prodotti del concepimento” dalla 20^ alla 28^ settimana, come anche i feti oltre la 28^ settimana, vengono sepolti su richiesta dei familiari o, comunque, su disposizione della ASL. Per entrambe i casi, dal 1990 esiste un’apposito spazio all’interno Cimitero di Prima Porta. Lì vengono accolti anche, in fosse singole contraddistinte da una croce, i prodotti del concepimento o i feti le cui madri non avevano autorizzato le esequie. Paradossalmente, come nel caso segnalato nel post divenuto virale, su quelle croci compaiono proprio i nomi delle mamme.

Il simbolo cristiano

C'è dell'altro. La  ragazza che, su facebook, ha raccontato "questa assurda vicenda" ha ammesso di aver provato "rabbia e angoscia" anche per un altro motivo. Questi sentimenti sono nati "nell'aver visto che, senza il mio consenso, altri abbiano seppellito mio figlio con una croce, simbolo cristiano, che non mi appartiene". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La sala è piena di pubblico senza mascherina: la “bolla” del Costanzo Show fa infuriare i social

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Roma, la mappa del contagio di ottobre: 47 quartieri con più di cento casi

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • La marcia 'nera' su Roma, l'ultra destra sfida il coprifuoco. La Questura: "Nessun preavviso per il corteo"

  • Ristorante romano consegna le chiavi a Virginia Raggi: "Roma muore e con sé la ristorazione e il turismo"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento