Attualità

Coronavirus, Celleno zona rossa: è il quarto comune del Lazio blindato per Covid-19

L’ordinanza sarà in vigore fino al 24 aprile con divieto di allontanamento dal Comune

Da ieri nella Regione Lazio c'è un quarto comune zona rossa. Dopo Fondi, Nerola e Contigliano è Celleno in provincia di Viterbo a finire "blindato" per il contenimento del Covid-19

Sarà in vigore fino al 24 aprile l’ordinanza del presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti che a partire da venerdì 10 aprile attua misure più restrittive al comune di Celleno. Un provvedimento firmato su proposta dell’assessore regionale alla sanità Alessio D’Amato, a seguito dei casi riferiti al cluster della casa di riposo Villa Noemi dove solo ieri sono stati registrati 31 casi. “Siamo vicini agli abitanti di Celleno che non sono certo degli ‘untori’ e che dovranno sostenere questa ulteriore limitazione per la salvaguardia della salute pubblica e per il contrasto all’epidemia”, ha commentato il governatore della Regione Lazio.

Le misure contenute nell'ordinanza

Le misure previste dall’ordinanza regionale riguardano il divieto di allontanamento dal territorio del comune di Celleno e anche il divieto di accesso fatta eccezione per il rientro a domicilio o alla residenza di coloro che fossero attualmente fuori dal comune. Non solo, la sospensione delle attività degli uffici pubblici ad eccezione dei servizi essenziali e di pubblica utilità e la sospensione dello svolgimento delle attività lavorative per i residenti e per le imprese ad esclusione di quelle che erogano servizi essenziali (quali pubblica utilità compresa l’attività veterinaria, delle imprese farmaceutiche, delle attività necessarie a garantire l’allevamento degli animali o non differibili connesse al ciclo biologico di piante e animali).

Stop ad attività commerciali, restano aperte le farmacie

Si fermano le attività produttive, industriali, lavorative e commerciali nel Comune di Celleno compresi i cantieri di lavoro ad eccezione dei negozi di generi alimentari, farmacie, parafarmacie, fornai, rivenditori di prodotti per agricoltura, distributori di carburanti per autotrazione ad uso pubblico, commercio al dettaglio di materiale per ottica, presidi sanitari, edicole, servizi di rifornimento dei distributori automatici di sigarette, tabaccherie, sportelli bancari e postali, servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti. Chiusi anche i parchi pubblici. Solo alle forze dell’ordine, ai militari e al personale sanitario è consentito l’ingresso e l’uscita dal comune.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, Celleno zona rossa: è il quarto comune del Lazio blindato per Covid-19

RomaToday è in caricamento