rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Attualità

Buoni libro 2023: chi può fare domanda per il contributo comunale

Dal 21 agosto attivo il bando riservato alle famiglie con determinati valori ISEE. Lo scorso anno la cifra arrivava a 195 euro per le scuole medie

Anche quest'anno le famiglie romane potranno presentare richiesta per il buono libro. Per l'anno scolastico 2023/2024 il bando verrà pubblicato sul sito di Roma Capitale a partire dal 21 agosto. 

Buoni libro 2023

La giunta Gualtieri ha confermato l'erogazione dei buoni libro anche per l'anno scolastico che sta per iniziare e sarà riservato a studentesse e studenti di istituti secondari di primo e secondo grado, appartenenti a nuclei con ISEE fino a 15.493,71 euro. Gli alunni e le alunne aventi diritto potranno usufruire del contributo prima dell’inizio dell’anno scolastico, "nei limiti delle risorse disponibili e nel rispetto dei criteri stabiliti dalle linee guida annuali della Regione Lazio" fa sapere Roma Capitale.

Bando online il 21 agosto

Al momento non è chiaro a quanto ammonti il contributo individuale per ogni studente. Lo scorso anno l'amministrazione ha aumentato a 195 euro per la scuola secondaria di primo e secondo grado e 177 euro per scuola secondaria di secondo grado. Quello che si sa è che dal 21 agosto il bando di partecipazione sarà online sul sito del Comune. I buoni potranno essere spesi nelle librerie convenzionate con Roma Capitale e riguardano, oltre ai libri di testo cartacei o digitali, anche l’acquisto di dizionari e libri di narrativa, sussidi digitali, notebook, tablet, software, usb e stampanti. La novità del 2023 è che le richieste potranno essere avanzate anche ai punti Roma facile (Prof) e agli sportelli degli uffici relazioni con il pubblico (Urp). Particolare attenzione sarà posta a garantire l’accesso ai buoni per le studentesse e gli studenti in condizione di fragilità e disagio abitativo, attraverso il supporto dei Servizi Sociali municipali e dipartimentali. Inoltre, l’erogazione viene ampliata anche agli iscritti e alle iscritte ai percorsi di istruzione e formazione professionale (IeFP).

Pratelli: "Abbiamo chiesto di ampliare lista prodotti acquistabili"

“Anche quest’anno rinnoviamo il nostro impegno per assicurare alle famiglie un contributo all’acquisto del materiale scolastico. Una misura essenziale - ha commentato il Sindaco - per garantire parità di accesso all’istruzione, con gli strumenti adeguati. Nessuno deve rimanere indietro a causa delle condizioni economiche, a maggior ragione quando si tratta del diritto allo studio. Continuiamo a costruire una città solidale, una comunità educante dove tutti devono avere il diritto al pieno accesso ai servizi e alla scuola”. “Con il buono libri - ha spiegato l’assessora Pratelli - contribuiamo in modo concreto alla mitigazione delle diseguaglianze, garantendo gli strumenti indispensabili per intraprendere il percorso formativo dei nostri studenti. Ringrazio il consiglio comunale e in particolare i consiglieri Ciani e Fermariello per la collaborazione tesa a rendere sempre più efficace questo strumento. Inoltre quest’anno abbiamo fatto richiesta alla Regione Lazio per ampliare ulteriormente la lista dei prodotti acquistabili con i buoni, nonché per prorogare il termine di presentazione della domanda fino al mese di dicembre 2023”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Buoni libro 2023: chi può fare domanda per il contributo comunale

RomaToday è in caricamento