Buche, il conto è salato: dal Comune danni ai romani per 15 milioni di euro, 8 in più dell'anno scorso

Anno record per le richieste di risarcimento danni ad Assicurazioni di Roma

Buche, crepe, dossi, voragini presentano il conto, salato. Ammonta a circa 15 milioni la somma di oneri potenziali a carico di Assicurazioni di Roma nel 2018, otto in più dell'anno scorso. Questa la stima resa nota questa mattina nel corso di un audizione dei vertici di Adir alla commissione Trasparenza del Comune di Roma presieduta da Marco Palumbo. La stima è stata determinata sulla base dei reclami presentati fino ad oggi e sembrerebbe in crescita rispetto al 2017 a causa delle ingenti piogge di quest'anno, che inevitabilmente hanno aperto molte buche sulle strade e sui marciapiedi della città. 

"L'aumento dei reclami è strettamente correlato ai millimetri di pioggia caduti nel periodo invernale - ha spiegato il dg di Adir, Andrea Toschi - un fenomeno particolarmente intenso quest'anno e che ha creato problematiche superiori. Inoltre, anche le polemiche finite sui giornali hanno spinto sempre più persone a sporgere denuncia"

L'aumento però, come specificato dai tecnici del Simu presenti, è da ascrivere alla viabilità minore (circa 8000 chilometri di strade). Mentre il dato sarebbe in diminuzione per quanto riguarda la grande viabilità. Fatto sta che il 2018 potrebbe davvero essere un anno record per il livello di risarcimenti che il Comune dovrà pagare ai romani inciampati in una buca o con la ruota dell'auto forata a causa di una voragine: nel 2015 il Comune spese 14 milioni, nel 2016 10,2 milioni mentre nel 2017 solo 7 milioni. 

"Il motivo principale è dovuto alla mancata manutenzione delle strade nel corso del 2017 - commenta il presidente della commissione Trasparenza Marco Palumbo - ai bandi annunciati e ai piani speciali non sono seguite le gare. Non espletare le gare e non impegnare i fondi ha portato al collasso delle strade della capitale. Se si fosse proceduto per tempo alle manutenzioni, come negli anni precedenti, l'anno 2018 non si sarebbe trasformato 'nell'Annus Horribilis' degli incidenti stradali e delle cadute".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

(Fonte Agenzia Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

  • A Roma la stretta anti Covid, Raggi chiede più controlli: nel week end task in campo tra movida e periferie

  • Coronavirus, a Roma 494 casi. Nel Lazio 994 nuovi contagi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento