rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Attualità

Bonus affitto, Unione Inquilini chiede una commissione Trasparenza sui ritardi

Il sindacato: "Se i numeri venissero confermati l'assessore deve in prima persona assumersi la responsabilità politica di questo fallimento, rassegnando le sue dimissioni"

Ritardo nell'erogazione del bonus affitto e fondi a rischio. Unione Inquilini chiede la convocazione immediata di una commissione capitolina Trasparenza. La denuncia è scattata in seguito a un articolo pubblicato ieri da Romatoday in merito al fatto che la mancata compilazione della graduatoria entro certi termini potrebbe portare a rallentamenti di natura burocratiche per l'erogazione dei fondi. 

"I dati emersi dall'inchiesta di Roma Today sono allucinanti e confermano quanto già denunciato dall'Unione Inquilini e scaturito dalla Commissione Trasparenza di circa 3 mesi fa", si legge nella nota. "Al bando per il sostegno affitti a causa dell'emergenza Covid: risultano ammesse a pagamento (nemmeno tutte effettivamente erogate) ad oggi 7 mila domande su più di 49 mila presentate. È questo il risultato del combinato disposto tra arroganza politica superficialità gestionale", continua il sindacato.

La notizia - Corsa contro il tempo: senza graduatoria del Comune finanziamenti bloccati nel 2021

La lentezza nella lavorazione delle domande, complice il fatto che sono stati effettuati controlli non dovuti per legge, ha quindi portato a sette mesi di distanza a non avere una graduatoria. "Come avevamo più volte sottolineato, anche direttamente all'assessora, il fondo straordinario Covid era stato concepito dalla Regione per una sua immediata erogazione ai cittadini, al netto di evidenti e insuperabili errori come la duplicazione delle domande da parte di una medesima persona. Infatti, nel bando si prevedeva l'istituto dell'autocertificazione e i controlli di merito andavano fatti successivamente".

Continua Unione Inquilini: "Adesso, con la fine dell'esercizio finanziario, il rischio è quello di un ulteriore ennesimo ritardo se non addirittura della perdita degli stanziamenti. Il caos degli uffici e l'incapacità gestionale della struttura di comando politica e amministrativa sono sotto gli occhi di tutti. Il fallimento è del Campidoglio, ma a pagarne le conseguenze sono i cittadini più bisognosi".

Per questo il sindacato, oltre a chiedere la convocazione della commissione Trasparenza, ha chiesto "qualora quei numeri venissero confermati, che l'assessore competente debba in  prima persona assumersi la responsabilità politica di questo fallimento, rassegnando le sue dimissioni".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bonus affitto, Unione Inquilini chiede una commissione Trasparenza sui ritardi

RomaToday è in caricamento