Università Sapienza, Antonella Polimeni è la nuova rettrice: è la prima donna a ricoprire questa carica

L'attuale preside della Facoltà di Medicina e odontoiatria ha ottenuto la maggioranza assoluta dei voti espressi

Foto Twitter Sapienza Roma

Antonella Polimeni è la nuova rettrice della Sapienza. L'attuale preside della Facoltà di Medicina e odontoiatria ha ottenuto la maggioranza assoluta dei voti espressi nel corso della prima tornata elettorale. Per la prima volta, una donna è alla guida della Sapienza. 

La nuova rettrice è stata eletta oggi dalla comunità accademica alla prima tornata elettorale che si è svolta dal 10 al 13 novembre 2020, ottenendo la maggioranza assoluta (metà+1) dei voti non pesati (per i docenti) e dei voti pesati (per il personale tecnico-amministrativo e i rappresentanti di studenti e assegnisti di ricerca), pari a 2.529,74 voti su 4.170,32 voti totali, raggiungendo la percentuale del 60,7%.

Antonella Polimeni, ordinaria nel settore scientifico disciplinare delle Malattie odontostomatologiche, sarà la rettrice della Sapienza per il sessennio 2020-2026. Succede a Eugenio Gaudio, che ha guidato la Sapienza dal 2014 al 2020.

Gli altri candidati alla carica erano Federico Masini, sinologo della Facoltà di Lettere, che ha ottenuto 765,46 voti e Vincenzo Nesi, matematico della Facoltà di Scienze matematiche, fisiche e naturali, che ha ottenuto 734,26 voti. Le schede bianche hanno pesato per 140,86 voti. La partecipazione al voto, che per la prima volta si è svolto online, è stata molto elevata: hanno votato complessivamente il 74,5% degli aventi diritto.

Lo scrutinio pubblico, che si è tenuto nel pomeriggio del 13 novembre, è stato diffuso in streaming. I risultati elettorali ottenuti dai singoli candidati, una volta certificati dalla Commissione elettorale centrale, saranno pubblicati sulla pagina Elezioni del Rettore a cura dell'Ufficio Elettorale, seguirà poi il decreto del decano del corpo accademico, Alfredo Gaito. Antonella Polimeni è la prima donna a ricoprire la massima carica accademica alla Sapienza e la prima rettrice eletta in un grande ateneo italiano.

"Una novità che sono certa potrà determinare nuove visioni anche nella società, come lascia ben sperare il programma di Governo presentato dalla Rettrice che mira - tra gli altri punti - alla valorizzazione della ‘biodiversità’, al superamento del gender gap ed alla ricomposizione della frattura tra scienza e società così cruciale a partire dalla crisi che stiamo vivendo", scrive in una nota la consigliera regionale del Lazio Marta Bonafoni, capogruppo della Lista Civica Zingaretti e componente della Commissione Formazione, Istruzione e Diritto allo studio della Pisana.

"È la prima volta di una donna alla guida della più grande Università d'Europa. Sono convinto che saprà affrontare al meglio questo compito così arduo", dichiara in una nota il Presidente del Consiglio regionale del Lazio Mauro Buschini.

Aggiunge il vicepresidente della Regione Lazio, Daniele Leodori: "A lei il compito di guidare la vasta comunità degli studenti e dei docenti dell'ateneo romano, il più grande d'Europa, punto di riferimento e di eccellenza per il Lazio e per tutto il Paese. Ad Eugenio Gaudio, che ha guidato la Sapienza dal 2014 al 2020 i ringraziamenti per il lavoro svolto". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Camorra, "a Roma comanda tutto lui": il cartello della droga di Michele Senese. Ecco come aveva diviso la Capitale

  • Incidente sulla Pontina: l'auto ha un'avaria, lui scende e viene investito da un tir. Morto 43enne

  • La montagna vicino Roma: 5 escursioni a due passi dalla Città eterna

  • Choc nel parcheggio del supermercato: cliente non lascia il carrello al mendicante e finisce ferito in una pozza di sangue

  • Saldi, a Roma e nel Lazio si parte un mese prima: lo shopping natalizio sarà all'insegna degli sconti

Torna su
RomaToday è in caricamento