I bambini di Anguillara in aule container da incubo, protestano i genitori. La Sindaca: "Errori dettati da velocità"

Mamme e papà degli alunni della scuola di via Verdi hanno manifestato sin sotto Palazzo Baronale: "Vogliamo una struttura sicura per i nostri figli"

"No ai container", "Una scuola si, un cantiere no". E' un fiume di genitori quello che ha invaso le strade di Anguillara fino ad arrivare sotto al palazzo del Comune. 

Le famiglie dei bambini della scuola di via Verdi, quella chiusa a fine maggio perchè inagibile, protestano per quelle aule container nelle quali sono stati destinati i loro figli. 

Bambini in aule container: protestano i genitori di Anguillara

Prefabbricati fatiscenti: fuori ruggine e segni di logorio; dentro nidi di vespe, infiltrazioni ad ogni pioggia, blatte, scarafaggi e fili elettrici penzolanti. 
Strutture mobili tanto degradate e logore da costringere l'amministrazione comunale a chiuderle per cinque giorni al fine di consentire disinfestazione e qualche intervento di miglioria. Oggi i container sono stati riaperti: causa lavori in corso orario dimezzato per due giorni. 

I genitori di Anguillara rimangono sul piede di guerra. "Quei container non sono idonei ad ospitare bambini della scuola dell'infanzia e delle elementari". "Vogliamo una struttura che garantisca ai nostri figli l'ingresso tutti i giorni, non possiamo vivere nell'incognita". "Su quei container, già costati oltre 800mila euro, ora vogliono spendere altri soldi. Noi per i nostri figli vogliamo una scuola vera" - si sfogano mamme e papà.

Per i container di Anguillara copertura esterna

Nel corso della mattinata una delegazione è stata ricevuta a Palazzo Baronale da dove la sindaca Sabrina Anselmo (M5s) aveva già fatto sapere di ulteriori interventi previsti sui container: nello specifico, "a maggior tutela dell’edificio in caso di eventi piovosi straordinari oramai sempre più frequenti, e per aumentare l’insonorizzazione dai rumori della pioggia battente sul tetto", la ditta provvederà al montaggio di una copertura supplementare con sistema di drenaggio completamente esterno al corpo di fabbrica.

La Sindaca Anselmo: "Abbiamo voluto dare struttura sicura in tempi brevi"

"L’amministrazione tutta sottolinea che l’unico intento che ha mosso le decisioni prese a seguito della indubbia inagibilità del plesso di Via Verdi, è stato quello di dare una struttura sicura in tempi tali da garantire il diritto allo studio ai bambini assumendosi le proprie responsabilità ed attivandosi a tutti i livelli per risolvere i problemi scaturiti da errori dettati proprio dalla necessità di velocizzare tutte le operazioni ed in cui solo chi lavora può incorrere" - ha scritto la Sindaca Anselmo chiedendo a tutti di collaborare "per avere finalmente un prosieguo di anno scolastico sereno nel nuovo plesso temporaneo". 

La Giunta di Anguillara nei giorni scorsi ha infatti approvato un progetto di fattibilità per un nuovo edificio scolastico. Ma i tempi sono lunghi: per i bambini della ex scuola di via Verdi il futuro precario. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Metro A, interventi su scale mobili e ascensori: chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi

  • Federico Tomei morto in un incidente: calcio laziale in lutto per la perdita del 22enne

  • Salvini a Roma: in 40mila in piazza per il leader della Lega. Strade chiuse e bus deviati

  • Sciopero generale venerdì 25 ottobre, dai trasporti alla scuola: Roma a rischio caos

Torna su
RomaToday è in caricamento