Attualità

Per la prima volta un riconoscimento intitolato Antonio Megalizzi presente all’interno del premio IAI

Il premio “I giovani talenti per l’Italia, l’Europa e il Mondo” all’ interno dell’ Istituto di Affari Internazionali, instituisce un riconoscimento speciale per la comunicazione dedicato al giovane giornalista ucciso nel 2018 durante l’attentato di Strasburgo

Per le premiazioni dell'edizione 2019 che riguardano il premio “Giovani talenti per l'Italia”, che si svolgerà a Roma il 24 settembre, l'Istituto Affari Internazionali e la famiglia Megalizzi. Con la partecipazione di RadUni/Europhonica, format radiofonici di cui Antonio era conduttore, è stato istituito un riconoscimento speciale per la comunicazione intitolato ad Antonio Megalizzi, il giornalista italiano ucciso nell’attentato di Strasburgo dell’11 dicembre 2018. L'impegno è di ricordare la passione di Antonio per il giornalismo e per i temi europei e proporla come esempio a tutti i giovani che si sono candidati al premio IAI

La prima edizione del premio Antonio Megalizzi

La selezione è avvenuta fra i videoclip pervenuti, secondo il giudizio di una giuria costituita da rappresentanti di tutte e tre le organizzazioni coinvolte. La vincitrice di questa prima edizione del Premio Antonio Megalizzi è Rosalinda Accardi, studentessa universitaria di Palermo. La premiazione avverrà durante l’evento conclusivo del premio IAI 2019, il prossimo 24 settembre

Di cosa si tratta

Anche quest’anno l'Istituto Affari Internazionali sceglie di dedicare ai giovani under 26 il suo premio annuale intitolato "Giovani talenti per l'Italia, l'Europa e il mondo", per ascoltare le loro idee, le loro paure ed i loro sogni sull’Europa e sul mondo. I vincitori della seconda edizione saranno invitati a discutere l’impatto del digitale e dei social media sulla democrazia oggi, durante un dibattito pubblico, alla presenza di personalità di rilievo del mondo politico-istituzionale, economico, culturale, dello spettacolo e dello sport. Il dibattito, moderato da un noto personaggio dei media, si articolerà sotto forma di dialogo tra i giovani vincitori ed un panel di esperti che, nei più diversi ambiti di attività, hanno maturato esperienze e visioni internazionali. Importante è ricordare il sostegno del Ministro degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale.

La storia

Considerato come un think tank  (serbatoio di pensiero) indipendente, privato e non-profit fondato nel 1965 su iniziativa di Altiero Spinelli. Promuoviamo la conoscenza della politica internazionale e contribuiamo all’avanzamento dell’integrazione europea e della cooperazione multilaterale. Siamo inseriti in un’ampia rete di istituti di ricerca e think tank specializzati nelle relazioni internazionali, interagiamo e collaboriamo con il governo, le pubbliche amministrazioni, le istituzioni europee e internazionali, le università, i maggiori attori economici nazionali, i media e i più accreditati think tank internazionali. Siamo un Istituto di ricerca indipendente che approfondisce la conoscenza, promuove il dibattito e propone soluzioni alle sfide della politica europea ed internazionale.

I finalisti del Premio

Per la categoria “Universitari e neolaureati” i finaliti sono: Andrea Butruce, Andrea Capati, Gianmarco Girolami, Sofia Ingrande, Roberta Rotolo, Marika Carlucci. Mentre i nomi dei I tra i finalisti della categoria "Studenti di scuole superiori" ci sono: Antonella Consoli, Lorenzo Giardinetti, Giovanni Tremontini

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Per la prima volta un riconoscimento intitolato Antonio Megalizzi presente all’interno del premio IAI

RomaToday è in caricamento