Attualità San Lorenzo / Largo Settimio Passamonti

Alcol, rifiuti e accoltellamenti: così il parco di largo Passamonti è diventato "discarica della movida violenta"

Dopo gli episodi avvenuti nel parco di Largo Passamonti, che ha visto l'accoltellamento di un ragazzo di 23 anni, numerosi residenti lamentano la situazione di degrado dell'area ormai ridotta a discarica e meta della movida notturna

Dopo l’accoltellamento della scorsa sera a largo Settimio Passamonti nel quartiere di San Lorenzo, siamo andati a dare un’occhiata all’area “verde” della zona. Tra cumuli di bottiglie di vetro e spazzatura di ogni genere passeggiano i cani e si gioca a basket. Una condizione di degrado generale rende lo spazio pericoloso e insalubre. “La sera il parco è molto frequentato, si viene qui a bere e la maggior parte lascia qui le bottiglie, - dice un utente del parco- queste montagne di immondizia sono qui da un sacco di tempo. Ho chiamato ripetutamente i numeri del comune e l’Ama, ma nulla dall’ultima segnalazione che ho fatto, sono passati 10 giorni e non si è visto nessuno. I Ragazzi del quartiere ma anche universitari vengono qui tutta la notte e riducono il parco così. Quando si è in molti magari si esagera nel bere ogni tanto scappa qualche lite”.

Un parco molto frequentato sebbene l’area in questione sia segnata evidentemente dal degrado, rendendo sempre più difficile godere degli spazi. “Vengo a giocare la mattina a basket, l’Ama non viene mai a pulire- dice un ragazzo- il pomeriggio molta gente frequenta il parco, per noi che giochiamo non è molto sicuro. Basti pensare a ogni volta che la palla sfiora i cumuli di immondizia, qui vengono molti ragazzi a giocare, sarebbe ideale ripulirlo”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La quantità di rifiuti presente in tutta l’area evidenzia una mancanza totale di interventi di pulizia e manutenzione. Vetri rotti tappezzano l’intero parco. Nonostante l’incuria il parco diventa meta di chi dopo il coprifuoco vuole continuare la serata in compagnia. “Purtroppo il comune ci ha abbandonato, c’è un rimpallo di responsabilità. L’altra sera un ragazzo di 23 anni è stato accoltellato, il parco è sempre aperto, alle dieci chiudono i locali e i ragazzi si spostano qui. Ora hanno messo la transenna per chiudere un ingresso ma fino a ieri non c’era. - dice un residente del quartiere. Si tratta di un’inciviltà generale dei ragazzi che vengono qui a bere la sera e lasciano bottiglie di birra, bicchieri e ogni genere di rifiuto”.

Il perché della mancata pulizia lo spiega Rino Fabiano, assessore del II Municipio: "L'Ama per una incomprensibile ragione contrattuale con il Comune di Roma non entra nell'area per pulirla e non sente ragioni rispetto alle continue richieste personali e del Municipio”. Una situazione aggravata inoltre dall’affollamento del parco nelle ore notturne. “Con la riapertura delle somministrazioni", continua Fabiano, "e soprattutto con l'allentamento dei controlli sul coprifuoco in città, ogni notte dalle 23 alle 4, migliaia di giovani e non, alcolizzati, violenti e molesti si sono impossessati dell'area distruggendo di fatto tutto il lavoro svolto dal municipio e dai ragazzi del basket in questi ultimi due anni".

Un’area questa che difficilmente si presta ai bambini. Gli animali invece una piccola area dedicata l'avrebbero. Per entrarci però devono attraversare una distesa di vetri di bottiglie. Inutilizzabili invece le aiutile e le panchine. "Il Dipartimento Tutela ambientale che al momento della consegna dell'area al municipio si era impegnato a perimetrare per bene l'area per poi affidare l'apertura e la chiusura ai suoi addetti, non ha fatto nulla di tutto ciò negando formalmente più volte di inserire la chiusura del parco tra i suoi compiti. Un vergognoso concerto di scarica barile sulla gestione di uno spazio pubblico", spiega ancora l’assessore municipale Fabiano. Largo Passamonti non deve essere la discarica della movida molesta ma è un parco pubblico per fare sport e stare insieme dall'alba al tramonto”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alcol, rifiuti e accoltellamenti: così il parco di largo Passamonti è diventato "discarica della movida violenta"

RomaToday è in caricamento