Vis Artena, Matrigiani dopo ko col Monterosi: "Complimenti a Lo Scalzo per l’esordio"

La Vis Artena ha perso 2-0 sul campo del Monterosi sesto della classe nel penultimo turno di campionato

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

Artena (Rm) – La Vis Artena ha perso 2-0 sul campo del Monterosi sesto della classe nel penultimo turno di campionato. Il presidente Roberto Matrigiani, assente per motivi personali, parla comunque del match per fare alcune sottolineature. «Ho parlato della gara con diversi ragazzi e col mister per capire come erano andate le cose. Mi hanno detto che avremmo meritato di andare in vantaggio e poi di pareggiare i conti una volta che nel secondo tempo il Monterosi aveva sbloccato il risultato. Anche stavolta, insomma, la Vis Artena è uscita dal campo con i complimenti degli avversari e ha fatto una prestazione in linea con lo splendido campionato giocato, cercando di proporre un calcio non speculativo: sono convinto che se ci fossimo affacciati alla serie D con questo spirito, avremmo rischiato di essere coinvolti nella lotta per non retrocedere e questa mentalità è assolutamente merito del lavoro portato avanti da mister Punzi e da tutti i ragazzi che, lo ribadisco, non cambierei con nessuno, nemmeno con quelli del Monterosi che sono costati decisamente di più. Approfitto per fare i complimenti per l’esordio stagionale al portiere classe 2000 Lo Scalzo, un ragazzo che l’anno scorso giocava a Brindisi in Promozione e che ha fatto parte di questo gruppo mettendo sempre il massimo impegno in allenamento, senza mai dire una parola fuori posto. Ora attendiamo l’ultimo match casalingo contro il Castiadas che verrà sicuramente a giocare la partita per vincere e provare a guadagnare una migliore posizione in vista dei play out, ma noi come abbiamo sempre fatto in questo finale di stagione daremo il massimo per cercare di chiudere con altri tre punti. Il futuro? Ne parleremo dopo domenica: come ho sempre detto, ripartirei dalla base solidissima di questo gruppo perché confermarsi in un campionato come la serie D è davvero complicato».

Torna su
RomaToday è in caricamento