Vis Artena, Matrigiani verso la delicata sfida con l’Ostiamare

"E’ il momento di stringere i denti"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

Artena (Rm) – Una Vis Artena molto rimaneggiata ha incassato una sconfitta interna per mano del Cassino nel match di domenica. La rete di Austoni, esterno classe 2000 subentrato a gara in corso, ha messo in dubbio la vittoria dei ciociari che nel finale hanno segnato la rete del definitivo 3-1. I ragazzi di mister Francesco Punzi devono subito provare a rialzarsi nel match di domani contro l’Ostiamare da giocare ancora tra le mura amiche. Il presidente Roberto Matrigiani parla del momento della sua squadra. «Col Cassino già in partenza sarebbe stata una gara dura, poi una serie di assenze hanno complicato la situazione. I ragazzi che sono scesi in campo, comunque, sono riusciti a dare filo da torcere ad un avversario forte che poi alla fine ci ha fatto i complimenti, anche se nel calcio contano i punti conquistati. Dopo l’1-2 di Austoni abbiamo avuto l’opportunità di pareggiare, ma non ci siamo riusciti e nel finale è arrivato il terzo gol degli ospiti che hanno fatto pesare la qualità dei loro interpreti. Questo è un momento delicato e bisogna stringere i denti: domenica avevamo in panchina praticamente per onor di firma i vari Costantini, Binaco e Origlia che hanno voluto dare un segnale rimanendo vicini alla squadra e purtroppo in questo periodo il calendario ci propone queste tre sfide ravvicinate. Non nascondo i timori per la sfida di domani contro l’Ostiamare, una squadra di valore che è abituata a questo genere di partite e una società da rispettare che ha una notevole esperienza nel campionato di serie D. All’andata rimediammo una sconfitta che ci lasciò l’amaro in bocca e sono convinto che anche domani la squadra darà il massimo di quello che è nelle sue possibilità. E’ una partita molto importante perché vincendo li metteremmo a dieci punti di distanza e sarebbe un segnale notevole. Sono felice dei 29 punti che abbiamo conquistato, ma dobbiamo sempre stare sul pezzo perché dietro si sono rinforzate tutte e ci sono squadre come Torres e Budoni che stanno risalendo bene. Bisognerà ancora sudare per finire in maniera positiva questa nostra prima stagione in serie D».

Torna su
RomaToday è in caricamento