Città di Valmontone calcio, il presidente Benini: "Ecco il cuore pulsante del nostro club"

Il primo anno dopo la “reunion calcistica” tra il vecchio Città di Valmontone e il Real Valmontone sta andando a gonfie vele

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

Valmontone (Rm) – Il primo anno dopo la “reunion calcistica” tra il vecchio Città di Valmontone e il Real Valmontone sta andando a gonfie vele. Il nuovo Città di Valmontone sta provando a ritagliarsi uno spazio importante nelle varie categorie in cui è impegnato (dal futsal femminile, al settore maschile con la Prima categoria e il settore giovanile agonistico e di base) e a strutturarsi come una società di livello tramite accordi importanti come quello che ha riguardato l’affiliazione con il Frosinone. Ma tutto sarebbe molto più complicato se, al fianco degli organigrammi dirigenziale e tecnico ufficiali, non ci fossero una serie di persone che (operando in maniera totalmente gratuita) offrono il loro contributo al Città di Valmontone. «Si tratta di persone davvero speciali che hanno preso a cuore l’idea di sport che sta portando avanti il nostro club – conferma il presidente Mauro Benini – Si possono fare alcuni nomi come quello di Gianluca Petrucci, che sta dando un prezioso contributo alla segreteria in collaborazione con Lucia Lucciola, o anche quello di Pietro Carletti, che è sempre a disposizione sull’attività della Scuola calcio e spesso e volentieri trascorre interi week-end al seguito delle squadre dei più piccoli. Entrambi hanno i figli all’interno del nostro club, ma al di là di questo dimostrano una disponibilità e una passione sconfinata. E un discorso dello stesso tipo si può fare anche per Maurizio Bucci, che è stato sempre al seguito della prima squadra e a cui da qualche settimana abbiamo affidato anche la guida tecnica della Juniores regionale, o anche per Alessandro Leggeri e Gino Camilli che forniscono un prezioso aiuto dirigenziale sia sulla prima squadra maschile che su quella femminile del calcio a 5. Come dimenticare, poi, la presenza costante di altri genitori come Michele Pieragostini, Luigi Proscio, Bruno Bellotti, Giuseppe Angeloni, Francesco Cardinali, Giovanni Chialastri, Paolo Pizzuti, Stefano Lanna, Massimiliano Ceccarelli e Martina Masella che si sono sempre messi a disposizione. Tutti loro rappresentano davvero il cuore pulsante del Città di Valmontone». D’altronde, quando si parla di società dilettantistiche, bisogna pensare al ruolo fondamentale di queste persone che permettono al club di sopravvivere e migliorano la vita degli atleti all’interno del centro sportivo.

Torna su
RomaToday è in caricamento