menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Totti: "Ho dato tanto, merito rispetto. Spalletti? Speravo mi parlasse in faccia"

Il Capitano al Tg1 getta una bomba sull'ambiente giallorosso. Con Spalletti rapporto "da buongiorno e buonasera". "Da Pallotta mi aspetto correttezza"

E' un Totti mai sentito quello che al Tg1 sfoga la propria rabbia per questi mesi passati tra infermeria e panchina. Intervistato da Donatella Scarnati il Capitano giallorosso, in tuta d'ordinanza e con Trigoria sullo sfondo, non le manda a dire, a Spalletti soprattutto, ma anche a Pallotta. I 40 anni alle porte, ma ancora tanta voglia di dare il proprio contributo, di parlare di futuro e di provare a rallentare il lungo addio al calcio. 

"Non sto qui a chiedere di giocare", si sfoga Totti. "Sto bene e sono a disposizione. A giugno mi scade il contratto e valuterò tutto. Così non riesco a starci, sto male io e sta male la gente che mi sta attorno". Incalzato sulle parole di Zeman, il numero 10 non si nasconde: "Mi aspetto rispetto per quello che ho dato a questa società e a questa squadra. Ci ho messo sempre la faccia con tutti". 

Su Pallotta e il rinnovo: "Aspetto Pallotta e vedremo cosa fare, io dirò la mia e lui la sua quando ci metteremo a tavolino, sperando che tutti escano contenti. Mi aspetto correttezza". 

"Chiedo più rispetto per quello che ho dato, rispetto per l'uomo. Non riesco a stare nella Roma così, vorrei che mi dicessero le cose in faccia, sto male. Vorrei chiarezza, sia da Spalletti, perché invece che leggere certi frasi avrei preferito che le dicesse a me, sia da Pallotta, quando verrà e parleremo del contratto. Perché io mi sento ancora un calciatore" . 

Con Spalletti, con cui in passato ha vinto la Scarpa d'oro (2007) e due coppe Italia e una Supercoppa (2007 e 2008) i rapporti sono appena cordiali, si limitano a "buongiorno e buonasera", anche se, dice Totti, "è un grande allenatore, può fare bene, ha le carte in regola, come tecnico lo stimo e come persona anche. Dico alla Roma di tenerlo in considerazione anche per il futuro. Però speravo mi parlasse in faccia e non andasse a dichiarare cose su di me ai giornali". 

Potrebbe interessarti

Commenti (1)

  • Roma ti ama, ma forse è giunta l'ora di fare un passo indietro, soprattutto per il campione che sei. Ti distruggeranno. questa città ha la memoria corta.

Più letti della settimana

  • Cronaca

    Omicidio a Prati: gestore di una vineria ucciso da un tassista

  • Cronaca

    Sciopero a Roma, il 31 maggio metro e bus a rischio

  • Cronaca

    Rissa tra coppie al parcheggio del Centro Commerciale: donna stesa da un pugno

  • Cronaca

    Magliana: donna trovata morta semi carbonizzata vicino ad un'auto

Torna su