Il team romano della Motorsport Italia al Rally del Messico con due campioni del mondo

Duplice impegno per Motorsport Italia che si conferma uno dei team più importanti sulla scena del rally a livello internazionale

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

Il team capitolino della Motorsport Italia sarà impegnato nel Rally del Messico, terzo appuntamento del Mondiale Rally con i piloti Benito Guerra su Ford Fiesta WRC e Max Rendina su Ford Fiesta R5.

Il pilota messicano Benito Guerra, campione del mondo produzione 2012, è uno dei nomi più attesi dal pubblico locale dal momento che è un vero e proprio beniamino.

L'entusiasmo e le aspettative per il driver messicano sono state evidenti in occasione del media day che ha visto la presentazione alla stampa ed alla tv messicana di Guerra ed il navigatore spagnolo Borja Rozada.

In occasione della presentazione Benito Guerra ha avuto modo di apprezzare il lavoro svolto dalla Motorspor Italia dichiarando il suo entusiasmo per il team italiano.

Nella categoria WRC2 Motorsport Italia schiererà il pilota italiano Max Rendina, campione del mondo produzione 2014, che correrà il Rally del Messico con la Ford Fiesta R5 assieme al suo navigatore Emanuele Inglesi.

Con una nuova e raggiante livrea il driver domano dovrà prendere maggior confidenza con la Fiesta r5 in un rally duro come quello messicano dove tutte le prove hanno la caratteristica di svolgersi ad un'altitudine costante di oltre 2000 metri.

La dichiarazione di Max Rendina: Dopo gli imprevisti avuti al Rally di Svezia sono fiducioso di far bene qui in Messico dove ho trovato un tempo fantastico - Sarà una gara molto impegnativa che affronterò per la prima volta con una R5 su terra ma sono concentrato e in forma"

Saranno 21 le prove speciali di questo Rally del Messico che si svolgerà nella regione del Guanajuato con altitudini che porteranno gli equipaggi a raggiungere la quota di 2.737 metri sul livello del mare.

Sono 399,71 i chilometri di prove cronometrate che inizieranno oggi con uno shakedown di 5,55 Km vicino Leon per poi partire con la prima prova nella città di Guanajuato con un percorso di 1,09 chilometri tra i variopinti tunnel minerari.

Un duplice impegno per Motorsport Italia che si conferma uno dei team italiani più importanti sulla scena del rally a livello internazionale.

Torna su
RomaToday è in caricamento