Stop del pilota romano Max Rendina al Rally Il Ciocchetto

Max Rendina ha terminato anzitempo la gara a causa di un problema fisico

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

È finito con uno stop al Rally Il Ciocchetto il 2016 del pilota romano Max Rendina che ha terminato anzitempo la gara a causa di un problema fisico. Rendina è reduce infatti da un operazione chirurgica subita nel mese di novembre che prevedeva un periodo di riposto per consentirgli la cicatrizzazione dei punti. Nonostante ciò Max Rendina ha voluto partecipare al Trofeo Italia R5 del Motor Show ai primi di dicembre dove a denti stretti è giunto al secondo posto dopo un emozionante lotta con Paolo Andreucci. In non perfette condizioni fisiche il pilota romano ha voluto comunque onorare anche l'invito degli organizzatori del 25° Rally Il Ciocchetto - Memorial Maurizio Perissinot ed è partito subito bene ma per Max 33 ed il suo navigatore Emanuele Inglesi lo stop è stato inevitabile a causa del dolore del pilota capitolino. La passione per questo sport ed il coraggio di Rendina adesso si dovranno conciliare con il periodo di riposto impostogli per poter riprendersi in vista del primo appuntamento del WRC con il Rallye Montecarlo. Lo vedremo di nuovo alla guida della Skoda Fabia r5 assieme ad Emanuele Inglesi il prossimo 20 gennaio all'85° edizione del Rallye Montecarlo uno degli appuntamenti più prestigiosi ed importanti del panorama mondiale. La dichiarazione di Max Rendina: "Mi sono dovuto ritirare perché mi si è aperta la ferita dove avevo i punti, su uno sconnesso alla prima prova speciale ho visto le stelle per il dolore ed ho dovuto rallentare negli ultimi 300 mt poiché stavo veramente male! Sono entrato a denti stretti sulla seconda prova ma stavo peggio! In assistenza mi ha visitato il dottore che mi ha consigliato di fermarmi ma da capoccione che sono ho affrontato la terza prova ma ho dovuto abbandonare per il dolore. Mi dispiace non aver onorato la gara perché ci tenevo e comunque sono soddisfatto perché nonostante il problema fisico il mio passo era ottimo ma mi rifarò l'anno prossimo".

Torna su
RomaToday è in caricamento