homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Lazio, Anderson: "Mi piace giocare qui". Gentiletti: "Brutto perdere il derby"

Questa mattina Felipe Anderson, Gentiletti e Milinkovic hanno fatto visita all'Istituto Comprensivo Grazia Deledda in via Latina 303 per rispondere alle domande dei bambini

Prosegue il tour biancoceleste della Lazio nelle scuole, per l'importante iniziativa 'Dalla scuola allo stadio: il modo giusto per sostenere lo sport'. Questa mattina Felipe Anderson, Gentiletti e Milinkovic-Savic hanno fatto visita all’Istituto Comprensivo Grazia Deledda in via Latina 303 per rispondere alle domande dei bambini.

Il primo a rispondere alle curiosità dei bambini è Felipe Anderson: "Giocando a calcio si conosce tutto il mondo, c'è un lato bello e uno brutto. Sei sempre lontano dalla famiglia ma conosci città belle come Roma. Mi piace giocare nella Lazio, quando ho avuto la possibilità di venire qua non ci ho pensato molto. Già seguivo la squadra, sono molto contento di giocare nella Lazio".

"Come si fa a diventare dei campioni? Miro Klose dovrebbe essere qui a rispondere! Tutti vogliono essere campioni, devi fare cose diverse dagli altri, devi fare qualcosa di unico ogni giorno. - si legge sul sito della Lazio - Durante le partite cerchiamo di dare sempre il nostro meglio, a volte non riesci a darlo, ma per fortuna ci sono i compagni che ti sostengono a fare di più".

Presente anche Santiago Gentiletti: "Giocare davanti alla più bella tifoseria d’Italia regala sempre delle belle sensazioni, è quello che un giocatore sogna nella sua carriera. Quando ho giocato la prima volta all’Olimpico ero molto emozionato, è una sensazione difficile da spiegare. L’emozione aumenta quando c’è una partita importante".

"Quando vinciamo una partita c’è sempre soddisfazione, è bello fare bene nel weekend quello che proviamo per tutta la settimana. Perché ho scelto il calcio? Giocare a calcio è un desiderio che uno sente dentro da piccolo e piano piano vuole diventare professionista. È una sensazione bruttissima perdere il derby, non è mai bello".

"Quando sbaglio un gol mi sento malissimo, non ci dormo la notte - ha poi concluso il centrocampista biancoceleste Sergej Milinkovic. -Vogliamo giocare in Europa, darò tutto in campo per raggiungere l’obiettivo secondo le mie possibilità".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Politica

      Raggi alla prova dei rifiuti: "La colpa è di chi ha governato Ama fino ad oggi"

    • Cronaca

      Ostia piange Alessandro, striscioni e lanterne in cielo per il 27enne morto

    • Incidenti stradali

      Incidente mortale ad Ostia: ciclista travolto sulla via Ostiense

    • Cronaca

      Cade del sesto piano e muore sul colpo, forse un ladro precipitato dal balcone

    I più letti della settimana

    • Calendario Serie A 2016-2017: le partite della Roma

    • Calendario Serie A 2016-2017: le partite della Lazio

    • Eur, a settembre la tre giorni del Rally di Roma Capitale

    • Lazio, Lotito ha deciso: torna Peruzzi

    • La storia di Sor Luciano, il segretario vuole restituire 3700 tesserini ai calciatori del San Basilio

    • Totti: "Calciatori come i nomadi, seguono i soldi e non il cuore"

    Torna su
    RomaToday è in caricamento