La Lazio passa a Lecce, Foggia-Kolarov firmano il 2-0 biancoceleste: il tabellino dell'incontro

La squadra di Delio Rossi si impone in trasferta con una vittoria importante per la classifica e per il morale: la Uefa ora è più vicina e sul rinnovo Delio Rossi glissa: "Questo è l'ultimo dei problemi”

Delio Rossi ormai ha deciso: il tridente pesante non può reggere. Dopo le ottime prestazioni fornite dalla squadra ad inizio stagione con la formula Foggia-Zarate-Pandev, il tecnico biancoceleste aveva provato a far coesistere insieme anche Tommaso Rocchi, capitano e rigorista della compagine laziale. La realtà e i fatti hanno dimostrato che il talento napoletano Pasquale Foggia ha una grande importanza nello scacchiere biancoceleste grazie alla sua funzione di raccordo tra centrocampo e attacco. Un giocatore duttile che riesce ad abbinare nel migliore dei modi le due fasi risultando quindi ora indispensabile per Delio Rossi.

La Lazio vince dunque 2-0 in casa del Lecce grazie alle reti del ritrovato Foggia e del terzino sinistro Kolarov che si inventa un gol davvero di pregevole fattura per potenza e precisione. Nonostante i tre legni colpiti dai salentini, la difesa di Rossi ha retto l’urto dell’attacco di Beretta dimostrando ritrovata fiducia e sicurezza con l’esclusione eccellente di Carrizo, a cui è stato preferito ancora una volta Muslera.

Il Lecce, dopo la pesante sconfitta interna contro la Lazio, è piombato in terzultima posizione restando fermo a quota 22 punti mentre il Torino, vittorioso di misura sull'Udinese, sarebbe in questo momento salvo.

Il tecnico della squadra pugliese Mario Beretta non cerca scuse dopo il 2-0 subito contro i biancocelesti di Delio Rossi: "La posizione di classifica è delicata, ma ce la giocheremo fino alla fine e con tutte le forze possibili e immaginabili. Questa settimana ho lavorato male. Ho sbagliato io. Se sbagli con squadre come la Lazio, non hai scampo. Comunque, non è il momento di demoralizzarsi ma di stare uniti".

Nel frattempo a rincuorare il tecnico sono arrivate le parole del presidente leccese Semeraro che ha voluto consolare Beretta dando anche un consiglio di natura tattica intervenendo a 'La7': "Non credo che Beretta rischi. Cambiare adesso sarebbe un azzardo. Il tecnico deve restare e lavorare serenamente. Abbiamo giocato senza grande impegno e senza voglia di vincere: questo mi preoccupa più della classifica. Un consiglio al tecnico? Il 3-5-2 mi pare il modulo più adatto".

Soddisfatto invece il tecnico della Lazio Delio Rossi: “Venivamo da un periodo non buono dove le parole le facevano tutti. Noi siamo chiamati a fare i fatti e a rispondere solo in campo. Questa è una squadra che ha buone qualità che, purtroppo, estrinseca a tratti. Le potenzialità esistono ma dobbiamo ancora fare di più per valorizzarle al meglio. La squadra è giovane e tutto ciò depone bene per il futuro di questi ragazzi. Non abbiamo concesso molto quest'oggi, ma dobbiamo essere più cinici e meno narcisisti. Una vittoria, quella di Lecce, che potrebbe rappresentare la svolta della stagione. I campionati si decidono a marzo. Solo allora potremo tirare le somme. Il mio rinnovo? Questo è l'ultimo dei problemi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blocco traffico, a Roma vietati tutti i diesel anche mercoledì 15 e giovedì 16 gennaio

  • Blocco auto, a Roma martedì diesel vietati fino agli Euro 6: tutte le informazioni

  • Blocco traffico, a Roma diesel fino a Euro 6 vietati anche venerdì 17 gennaio

  • Il Comune di Roma assume, 1512 i posti a disposizione: ecco il concorsone

  • Blocco traffico: a Roma oggi niente auto nella fascia verde, tutte le informazioni

  • Blocco auto: chi può circolare a Roma domani 19 gennaio

Torna su
RomaToday è in caricamento